I benefici dei funghi commestibili

 22 Marzo 2013
benefici dei funghi commestibili

Che preferiate i crimini o i porcini, gli orecchioni o i portobello, gli enoki, gli shiitake oppure gli champignon, tutti i funghi commestibili sono ricchi di nutrienti benefici per il nostro organismo. In particolare, i funghi rappresentano una buona fonte di selenio, vitamina D, vitamine del gruppo B, antiossidanti, ferro, e altri minerali.

Antiossidanti

Spesso quando si parla di antiossidanti si tende a pensare subito ad alimenti colorati, ma in realtà anche tonalità più neutre possono essere ricche di tali sostanza benefiche. I funghi crimini e portobello raggiungono addirittura una capacità antiossidante ORAC pari a circa 1000 unità per 100 grammi di prodotto. Per comprendere meglio quanto siano ricchi di antiossidanti questi funghi, basta pensare che il Dipartimento Americano dell'Agricoltura consiglia un apporto giornaliero di unità antiossidanti di circa 5000 unità, da assumere principalmente tramite il consumo di frutta e verdura.

Vitamina D

La vitamina D è difficile da trovare in buone quantità all'interno degli alimenti perché viene sintetizzata dal nostro organismo con l'esposizione ai raggi solari. Tuttavia, i funghi, in modo simile agli organismi animali, riescono a produrre vitamina D proprio grazie al sole. Negli Stati Uniti vengono già coltivati funghi della qualità portobello e champignon esposti ai raggi UV proprio con lo scopo di renderli più ricchi di vitamina D.

Viamine B

Le Vitamine del gruppo B sono essenziali per trasformare gli alimenti (carboidrati) in combustibile (glucosio), che l'organismo brucia per produrre energia. Inoltre, tali vitamine aiutano il corpo a metabolizzare grassi e proteine. I funghi contengono buone quantità di vitamina B2 (riboflavina) e vitamina B3 (niacina). In particolare, le varietà di funghi crimini, ostrica, e champignon possono apportare tra il 30 e il 40 per cento del fabbisogno giornaliero raccomandato per tali vitamine.

Selenio

Diversi studi, tra cui l'ultimo apparso nel 2010 sulla rivista Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention, hanno dimostrato che maggiore è il livello di selenio presente nel sangue e nelle unghie dei piedi, minore è il rischio di cancro alla vescica. Inoltre, è stato visto che tale effetto positivo del selenio avviene soprattutto nelle donne. Diversi tipi di funghi sono ricchi di questo minerale traccia essenziale: 100 grammi di crimini o di shiitake ne possono fornire un apporto di circa il 45 per cento del fabbisogno quotidiano.

Sistema immunitario

Uno studio pubblicato nel 2008 sul The Journal of Nutrition ha dimostrato che i funghi champignon sono in grado di stimolare il sistema immunitario, promuovendo la maturazione delle cellule dendritiche (DC) dal midollo osseo. Secondo i ricercatori, ciò può contribuire a migliorare le difese immunitarie contro i microbi invasori.

Commenti e opinioni

Per dire la tua, puoi effettuare il login con uno dei seguenti account oppure compilare il modulo qui sotto:

           


Codice di sicurezza
Aggiorna