06 Agosto 2019

Lectine: Cosa Sono? Dove Si Trovano? Fanno Male?

by Maria Chiara Rossi

Le lectine sono una famiglia di proteine presente in quasi tutti gli alimenti, in particolare legumi e cereali, ma anche pomodori, melanzane, patate, mais, latte e uova. Alcune lectine sono tossiche e dannose per la salute se consumate in eccesso poiché potrebbero causare maggiore permeabilità intestinale e aumentare il rischio di malattie autoimmuni. Tuttavia, è possibile rendere facilmente inattive le lectine mediante la cottura dei cibi, la fermentazione e l'ammollo.

Le lectine rappresentano davvero un rischio per la salute? Vediamo cosa ci dicono le ricerche scientifiche.

Cosa sono le lectine?

Le lectine sono una famiglia di proteine leganti i carboidrati presenti nelle piante e negli animali [1].

Le lectine animali svolgono diversi ruoli relativi alle normali funzioni fisiologiche, mentre il ruolo delle lectine vegetali non è ancora ben chiaro. Queste ultime sembrano essere coinvolte nelle difese delle piante contro insetti e altri erbivori.

Alcune lectine vegetali sono tossiche, come nel caso della ricina - una lectina che si trova nei semi della pianta Ricinus communis da cui si ricava l'olio di ricino - che può essere letale.

Altre lectine agiscono come antinutrienti, ostacolando l'assorbimento di diversi nutrienti ed enzimi [2].

[Leggi anche Antinutrienti: Cosa Sono E Come Ridurli]

I legumi, tra cui fagioli, soia e arachidi, contengono la maggior parte delle lectine vegetali, seguite dai cereali e dalle piante della famiglia delle Solanaceae, come le patate, le melanzane, i pomodori e i peperoni.

Le lectine fanno male alla salute?

Così come gli altri animali, anche gli esseri umani hanno problemi a digerire le lectine.

Le lectine sono infatti molto resistenti agli enzimi digestivi del corpo e possono facilmente attraversare lo stomaco rimanendo invariate [3].

In genere, le lectine che si trovano nei vegetali commestibili non rappresentano una problema per la salute, ma ci sono eccezioni.

Per esempio, alcune leguminose, come i fagioli crudi, contengono una lectina tossica conosciuta come fitoemagglutinina (PHA). I principali sintomi di avvelenamento da PHA sono forti dolori addominali, vomito e diarrea [4].

I principali casi segnalati di questo tipo di avvelenamento sono associati ai fagioli rossi cotti in modo errato. I fagioli cotti correttamente sono sicuri da mangiare.

La cottura degrada gran parte delle lectine

I sostenitori della paleodieta affermano che le lectine sono dannose, per cui bisogna evitare di mangiare legumi e cereali.

Tuttavia, le lectine possono essere inattivate mediante la cottura.

Secondo alcuni studi, nei legumi fatti bollire in acqua l'attività delle lectine si perde quasi completamente [5, 6].

Basti pensare che i fagioli rossi crudi contengono dalle 20.000 alle 70.000 unità emoagglutinanti (HAU), mentre quelli cotti hanno solo 200-400 HAU. Dunque una riduzione davvero drastica dell'attività delle lectine.

In uno studio, l'attività delle lectine presenti nei semi di soia è diminuita significativamente già dopo 5-10 minuti di bollitura [7].

Pertanto, non bisognerebbe evitare i legumi per via dell'attività delle lectine nei legumi crudi poiché questi alimenti vengono quasi sempre cotti prima di essere consumati. Per ridurre ulteriormente il contenuto di lectine nei legumi si consiglia l'ammollo prima della cottura.

In conclusione, sebbene alcune lectine contenute nei vegetali commestibili risultino tossiche a dosi elevate, generalmente il consumo di tali alimenti non è eccessivo, quindi non dovrebbero destare preoccupazione per la salute. Inoltre, gli alimenti ricchi di lectine che vengono comunemente mangiati, come i cereali e i legumi, sono quasi sempre sottoposti a cottura prima del loro consumo, inattivando quasi del tutto le lectine. Anche le quantità negli altri alimenti vegetali sono solitamente basse, per cui non costituiscono una problema per le persone sane. Se si è particolarmente sensibili, invece, bisogna prestare attenzione. Molti degli alimenti che contengono lectine sono altresì ricchi di minerali, vitamine, fibre, composti antiossidanti e numerose sostanze buone per la salute umana. I benefici di questi nutrienti sani superano di gran lunga gli effetti negativi di quantità minime di lectine.

Commenti e opinioni


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti  

+1 #2 +vivi 2020-04-10 13:47
Citazione PASQUALINO:
le carrube contengono lectine ed in quale quantità



Buongiorno PASQUALINO,
certo che le carrube contengono lectine, infatti fanno parte della famiglia delle leguminose (Fabaceae), che noi abbiamo citato tra le più ricche di lectine, anche se non abbiamo fatto l'elenco completo di tutti i legumi.

Buona giornata,
Maria Chiara +vivi
Citazione | Segnala all'amministratore
0 #1 PASQUALINO 2020-04-07 18:56
le carrube contengono lectine ed in quale quantità
Citazione | Segnala all'amministratore