11 Dicembre 2015

Pori Ostruiti: Rimedi Naturali a Base di Enzimi Vegetali

I vegetali che vedremo in questo articolo sono ricchi di enzimi molto efficaci nell'eliminare i pori ostruiti; tuttavia, non tutti sono indicati per coloro che hanno una pelle sensibile. Chi invece ha una pelle normale, può tranquillamente usare uno qualsiasi, o anche una combinazione, dei seguenti vegetali per preparare il trattamento naturale più adatto alle proprie esigenze.

Gli enzimi della frutta sono utili per quei tipi di pelle che tendono a ricoprirsi di pori ostruiti già da pochi giorni dopo aver usato uno scrub oppure delle strisce/cerotti per i punti neri o qualsiasi altro trattamento contro i comedoni.

Ananas e papaia

L'ananas e la papaia contengono rispettivamente enzimi conosciuti come bromelina e papaina. È possibile utilizzare anche una sola delle due frutte per preparare un'ottima maschera viso per i pori ostruiti. Basta creare una purea di frutta per liberare la pelle dalle cellule morte, contrastare i radicali liberi, e donare alla cute un aspetto più liscio e levigato. Gli enzimi dell'ananas e della papaya possono inoltre contribuire ad alleviare le cicatrici e le macchie lasciate dall'acne.

[Potrebbe interessarti: Rimedi per le macchie lasciate da brufoli e acne]

La maschera di purea ottenuta da queste frutte risulta un po' acida quindi si consiglia di non usarla dopo lo scrub del viso o nel caso in cui siano presenti delle ferite sulla cute. Si può applicare sulle zone affette da acne a patto che non siano graffiate.

Preparazione e uso della maschera alla frutta: frullare la polpa di ananas oppure di papaia (quest'ultima deve essere ben matura) fino a ricavare un composto spalmabile. Applicare uno strato sottile sulla pelle. Lasciare riposare per 20-30 minuti, e poi sciacquare via con acqua fredda. Ripetere il trattamento fai da te due volte a settimana. Se la pelle risulta eccessivamente coperta dai pori ostruiti, utilizzare nuovamente la maschera agli enzimi della frutta il giorno successivo in modo da ottenere risultati migliori.

Zucca

Gli enzimi della zucca sono tra i più potenti contro gli inestetismi cutanei, quindi la ricetta a base di questo vegetale agisce in modo veloce ed efficace sui pori ostruiti. Inoltre, gli alfaidrossiacidi della zucca esercitano una naturale azione esfoliante, favorendo il rinnovamento cellulare.

[Potrebbe interessarti: Ricette a base di alfaidrossiacidi per peeling fai da te]

Preparazione e uso della maschera a base di zucca: tagliare qualche pezzetto di zucca, quindi scottare a vapore i pezzi finché diventano teneri. A questo punto, schiacciare la zucca morbida all'interno di una ciotola e mescolarla con quel tanto di acqua necessario per ottenere un impasto spalmabile. Se si ha la pelle sensibile, si può creare una maschera meno aggressiva mescolando la zucca con il miele grezzo anziché con l'acqua. In entrambi i casi bisogna miscelare i due ingredienti fino a ottenere un composto facile da stendere sulla cute. Quindi, applicare uno strato uniforme sulla pelle e lasciare riposare per 15-20 minuti; infine, sciacquare via la maschera. Ripetere questo trattamento naturale 2 o 3 volte a settimana.

Pomodoro

I pomodori sono ricchi di enzimi e acidi utili per prendersi cura della pelle eccessivamente grassa, che causa una continua comparsa di pori ostruiti. Il pomodoro costituisce uno dei più semplici rimedi casalinghi per eliminare i punti neri e contribuisce a schiarire e a illuminare la pelle contrastando le macchie cutanee e l'iperpigmentazione.

Preparazione e uso del rimedio fai da te al pomodoro: basta tagliare un pomodoro a metà, e strofinarne la parte interna sulla pelle esercitando leggeri massaggi circolari. Lasciare agire il trattamento per 15-20 minuti, poi sciacquare via con acqua fredda. Ripetete 2-3 volte a settimana.

Kiwi

Il kiwi contiene un'enzima che agisce in maniera molto simile alla bromelina e alla papaina, noto come actidina. Nel kiwi sono presenti anche buone quantità di alfaidrossiacidi nonché un elevato apporto di antiossidanti, in particolare la vitamina C. I kiwi sono dunque utili per favorire il ricambio cellulare e purificare la pelle. Con il tempo, l'applicazione regolare di maschere a base di kiwi può altresì alleviare le cicatrici causate da acne e brufoli.

Come usare il rimedio fatto in casa a base di kiwi: tagliare un kiwi a metà, e strofinare delicatamente la parte interna sulla pelle. Lasciare agire per 15 minuti, e infine sciacquare con acqua fredda. Ripetere questo semplice trattamento naturale 2-3 volte alla settimana.

Mela

Le mele contengono acido malico, un acido organico alfa-idrossilato utile per sciogliere le impurità accumulate nei pori ostruiti. Inoltre, tale sostanza contribuisce a riequilibrare il mantello acido, o film idrolipidico, che riveste l'epidermide, migliorando il pH della pelle e aiutando a prevenire la comparsa di brufoli e punti neri. Le mele sono altresì un ottimo ingrediente per preparare rimedi fai da te per la pelle secca e danneggiata dal sole.

Come usare il trattamento fatto in casa a base di mela: frullare una mela fresca fino a ottenere una purea spalmabile (la mela verde della varietà Granny Smith è una delle più ricche di acido malico). Quindi applicare uno strato sottile del composto sulla pelle pulita. Lasciare riposare la maschera per 15-20 minuti, e poi sciacquare via con acqua fredda. Ripetere il trattamento naturale 2-3 volte alla settimana.

Limone

È noto che il limone costituisce un'ottima soluzione per trattare la pelle incline all'acne. La combinazione di acidi, in particolare l'acido citrico, offerta da questa frutta favorisce il ricambio cellulare, purifica la pelle, contribuisce a schiarire le macchie scure, e aiuta a uccidere i batteri che causano l'acne. Il limone, tuttavia, può risultare abbastanza aggressivo sulla pelle, soprattutto se si ha qualche piccola ferita. Quindi, assicurarsi che la cute sia intatta prima di usare questo rimedio su di essa, e comunque si consiglia di non utilizzarlo mai dopo uno scrub.

Come usare il limone per i pori ostruiti: tagliare un limone fresco a metà e strofinare delicatamente il suo interno sulla pelle, evitando il contorno occhi. Lasciare agire il succo di limone per 10-15 minuti e poi sciacquarlo via con acqua fredda. Coloro che hanno un pelle troppo sensibile possono mescolare il succo di limone al miele grezzo, creando una miscela spalmabile da usare come maschera. Ripetere il trattamento 2 volte a settimana.

Uva

L'uva, come le mele, contiene una buona quantità di acido malico nonché di acido tartarico, quest'ultimo meno aggressivo rispetto agli altri acidi. L'uva è dunque più indicata per preparare rimedi naturali per la pelle sensibile che presenta pori ostruiti.

Preparazione e uso del trattamento a base di uva: tagliare un acino d'uva a metà, rimuovere eventuali semini presenti nel chicco, e strofinare la parte interna dell'acino sulla pelle interessata dagli inestetismi. In alternativa, frullare più chicchi d'uva per creare un impasto spalmabile da applicare sulla pelle in modo uniforme. Lasciare che il succo d'uva agisca per almeno 15 minuti; quindi, sciacquare via con acqua fredda. Ripetere il trattamento fai da te 2-3 volte a settimana.

Cosa aspettarsi dai trattamenti naturali contro i pori ostruiti

Queste maschere e rimedi a base di enzimi della frutta e di altri vegetali sembrano innocui ma in realtà sono piuttosto potenti. Possono causare rossore, irritazione e desquamazione, soprattutto se si usano per la prima volta. Se tali disturbi risultano troppo forti, sciacquare via il trattamento con acqua fredda e, per la volta successiva, prendere in considerazione l'utilizzo combinato di frutta (o altro vegetale) con il miele grezzo oppure con il gel di aloe vera. Altrimenti, provare a usare soltanto la papaia, che dovrebbe risultare meno aggressiva rispetto alle altre frutte ed è comunque molto efficace.

Le prime volte che si usano gli enzimi vegetali, potrebbe essere necessario utilizzarli con una maggiore frequenza per ottenere l'effetto desiderato. Per esempio, si potrebbe dover ricorrere ai trattamenti fai da te agli enzimi per due giorni consecutivi e poi attendere un altro paio di giorni prima di notare la scomparsa di punti neri e pori ostruiti. Ognuno ha una pelle diversa dagli altri, quindi bisogna solo prestare attenzione e vedere quanto tempo necessita la propria pelle per sbarazzarsi dei pori intasati.

Dopo i primi utilizzi dei trattamenti agli enzimi, la pelle comincia a rispondere positivamente a questi, per cui, con il tempo, saranno necessarie sempre meno applicazioni, fino ad arrivare a utilizzare i rimedi una volta a settimana o anche meno spesso.

Molti dei rimedi naturali per i pori ostruiti visti in questo articolo contengono buone quantità di alfaidrossiacidi, che esercitano anche un'azione esfoliante. Per tale motivo, si consiglia di usare questi trattamenti fai da te alla sera, magari prima di andare a dormire, non durante il giorno perché si potrebbe avvertire qualche lieve fastidio con l'esposizione ai raggi solari, soprattutto se si ha una pelle particolarmente sensibile.

Commenti e opinioni