19 Giugno 2013

Come prendersi cura della pelle secca in estate

Nel derma è presente una sostanza grassa chiamata sebo che serve a donare morbidezza e idratazione alla pelle. Senza questa sostanza oleosa, la cute è soggetta a screpolature, prurito e desquamazione. Questo significa che per trattare il problema della pelle secca in estate bisogna innanzitutto sapere come mantenere il naturale sebo prodotto dalle ghiandole sebacee.

Crema idratante senza oli

Le creme idratanti migliori per chi ha la pelle secca sono quelle umettanti perché a base di acqua e contenenti una bassa percentuale di sostanze oleose. Gli idratanti umettanti agiscono assorbendo e trattenendo l'acqua/umidità dall'aria e dai livelli inferiori dell'epidermide. In questo modo, l'idratazione viene naturalmente trattenuta sfruttando l'acqua/umidità già presente nella pelle e nell'ambiente, senza correre il rischio di ostruire i pori. Nell'INCI degli umettanti in genere troviamo: glicerina, sorbitolo, acido lattico e alfaidrossiacidi.

Se si usa la crema idratante una volta al giorno, è preferibile applicarla dopo un bagno o una doccia. Asciugarsi delicatamente, e stendere il prodotto sulla pelle ancora leggermente umida.

Docce brevi

Se la doccia è troppo lunga e calda va a impoverire la pelle del suo naturale sebo, causando inevitabilmente secchezza. Se si avverte prurito dopo una doccia, allora è il momento di cambiare la propria routine quotidiana. È necessario fare docce più brevi, di circa 5 minuti, e più fredde, con una temperatura che non superi i 38-40 gradi Celsius. Una temperatura superiore ai 38 gradi porta a una maggiore dilatazione dei vasi sanguigni, che a sua volta facilita il rilascio di acqua attraverso lo strato esterno della pelle.

Oltre a ciò, dopo la doccia bisogna utilizzare l'asciugamano con delicatezza, tamponando leggermente la pelle bagnata. Quindi, lasciare la cute ancora un po' umida, e infine applicare la propria crema idratante.

Sapone

Quando ci si lava, bisogna utilizzare i saponi giusti. Se per esempio un detergente è troppo profumato, molto probabilmente contiene un maggior numero di sostanze chimiche aggressive che non fanno altro che privarci del nostro sebo. L'ideale sarebbe un sapone composto esclusivamente da ingredienti naturali, non aggressivi. I saponi che solitamente compriamo al supermercato sono ricchi di sostanze tossiche che non fanno altro che peggiorare lo stato di secchezza della pelle. Quindi meglio evitare saponi contenenti triclosan, fenoli, petrolati, peg, ppg, sles, sls, parabeni, e altri composti dannosi per la salute.

Crema solare

Se il cielo è nuvoloso, questo non significa che si può evitare la protezione solare. Le nubi aiutano a filtrare i raggi raggi UV ma solo in minima parte, quindi la crema solare va applicata sempre se non si vuole accelerare il processo di invecchiamento cutaneo. Tuttavia, bisogna fare attenzione anche all'acquisto dei solari. Si consiglia di evitare quelle creme contenenti ingredienti tossici per la nostra salute tra cui petrolati, siliconi, oxybenzone, ethylhexyl triazone, diethylhexyl butamido triazone, octyldimethyl-PABA (OD-PABA), butyl methoxydibenzoylmethane, ethylhexyl salycilate, methylbenzyliden camphor. Le migliori protezioni solari sono quelle bio-ecologiche.

Esfoliazione

L'esfoliazione cutanea è necessaria per garantire un corretto ricambio cellulare e aiutare la pelle a rigenerarsi. Tuttavia, un'eccessiva esfoliazione provoca secchezza e irritazioni. Il consiglio è quello di esfoliare la cute una o due volte alla settimana,

Come abbiamo visto, con pochi semplici modifiche alla propria routine quotidiana è possibile trattare efficacemente la pelle secca in estate.

Commenti e opinioni