06 Agosto 2016

Come Scegliere Un Personal Trainer: Da Chi Stare Alla Larga

Sia che si tratti di un personal trainer online o in DVD sia che si tratti di uno in carne e ossa, bisogna stare molto attenti nello scegliere un buon allenatore dato che è un professionista che può a tutti gli effetti influenzare la propria salute. Di seguito, un elenco delle caratteristiche che appartengono ai personal trainer da cui stare lontani. Questi aspetti negativi non sono certamente gli unici, ma sono quelli più comuni e più facili da individuare.

Chi propone o cerca di vendere integratori

Normalmente, se si ha una dieta sana ed equilibrata, l'integrazione non è necessaria. Attraverso l'alimentazione si è generalmente in grado di assumere tutte le sostanze di cui si ha bisogno, anche per modellare il proprio corpo in combinazione con il fitness. Se è necessario integrare alcuni nutrienti è il proprio medico a deciderlo, non un allenatore. Quindi, un personal trainer non può legalmente o eticamente dare o "prescrivere" integratori, a meno che sia anche un medico.

Chi motiva in modo sbagliato

Ci sono molti modi per motivare un cliente, ma quello più dannoso a livello mentale è far vergognare il cliente del proprio corpo. Ciò va a generare tutta una serie di pensieri sbagliati nonché di sensi di colpa e inadeguatezza. C'è bisogno di un allenatore che porti a pensare in maniera positiva e costruttiva riguardo al proprio corpo e a ciò che è in grado di fare.

Chi adopera un solo stile di allenamento

Ci sono centinaia di stili di allenamento: con i pesi, pliometrico, tonificante, cardiovascolare, HIIT, yoga, pilates, e tanti altri. Queste tipologie hanno tutte i loro pro e contro, ma insieme sono utili per raggiungere i propri obiettivi di fitness e per favorire la salute generale dell'organismo. Ricorrere a diversi modi di allenamento mette alla prova le varie abilità fisiche del corpo umano, la forza, la resistenza, la flessibilità, la coordinazione, l'equilibrio, l'agilità, e così via. In genere, a seconda degli obiettivi personali si consiglia di propendere leggermente più verso uno stile di allenamento rispetto a un altro, ma mai di fossilizzarsi su un solo tipo.

Chi enfatizza la perdita di peso senza tenere conto della costruzione muscolare

I personal trainer che si concentrano solo sulla perdita di peso e non sullo sviluppo muscolare e della forza fanno un grande danno ai loro clienti. Non bisogna fare solo attività cardiovascolare, ma è importante iniziare con l'allenamento della forza per costruire una buona base per i muscoli in modo da aumentare il metabolismo a riposo così come le calorie bruciate durante l'allenamento. Il metabolismo basale (MB o BMR) rappresenta il consumo di energia, ovvero di calorie, da parte del corpo quando è a riposo per mantenere l'organismo in vita. Il BMR dipende non solo dalle naturali funzioni del corpo ma anche dalla quantità di tessuto muscolare presente in esso. Se dunque si aggiunge più massa muscolare si brucia naturalmente più calorie sia durante l'attività fisica sia stando a riposo. L'aumentato del BMR dovuto alla massa muscolare rende inoltre più facile mantenere la perdita di peso nel lungo termine. La cosa migliore è che non è necessario aggiungere molto tessuto muscolare per ottenere risultati evidenti in termini di dispendio calorico; quindi anche coloro che sono preoccupati di mettere su troppi muscoli, in particolare le donne, possono beneficiare del sollevamento pesi. In definitiva, se si vuole eliminare il grasso corporeo in eccesso, oltre ai pesi leggeri, al cardio e agli esercizi per la zona core è bene prevedere anche sessioni di sollevamento pesi.

[Potrebbe interessarti: 5 Modi Per Bruciare Più Grassi Con L'Allenamento]

Chi si focalizza sull'intensità anziché sulla correttezza dei movimenti

Si tratta di un problema particolarmente diffuso tra i body builder o tra alcuni personal trainer che adottano lo stile bootcamp (o marines). Molti di loro si concentrano sulla quantità: quanto si è in grado di sollevare o per quanto tempo si riesce a spingere. Non c'è nulla di male a voler andare un po' oltre per poter migliorare le proprie capacità di sollevamento pesi o per aumentare la resistenza, a patto che lo si faccia senza tralasciare la corretta esecuzione. Allenarsi correttamente è di gran lunga l'aspetto più importante su cui concentrarsi durante qualsiasi tipo di allenamento. Se non si mantiene una postura corretta e/o non si esegue il movimento in maniera appropriata, i rendimenti dell'esercizio fisico e/o la gamma di movimento (ROM o range of motion) iniziano a diminuire rapidamente. Ciò avviene soprattutto nei body builder, che infatti presentano spesso limitazioni nel loro range di movimento. Un buon allenatore non deve mirare solo all'intensità, ma deve sapere quando abbassare l'intensità per favorire una migliore funzionalità degli arti e ottenere risultati più soddisfacenti nel lungo termine.

Chi non "educa" il proprio cliente

Per un cliente è importante conoscere il motivo per cui sta eseguendo un certo tipo di esercizio, perché lo sta facendo in un determinato ordine, e così via. In questo modo riesce a prendere coscienza di ciò che fa e, inoltre, sente di potersi fidare del proprio personal trainer. Questo è un aspetto importante sia per il cliente sia per l'allenatore perché il primo sa di essere in buone mani, mentre il secondo, conquistando la fiducia del cliente, sa che non andrà via.

Chi elargisce false informazioni

Non è possibile perdere peso in determinati punti del corpo, quindi se un personal trainer promette ciò sta mentendo. Alcuni allenatori dispensano informazioni false, volontariamente o inconsapevolmente. Per esempio c'è chi sostiene che le donne non dovrebbero sollevare i pesi, che gli esercizi a bassa intensità bruciano più grasso, che se ci si allena costantemente è per forza necessario ricorrere agli integratori di proteine, che gli esercizi per gli addominali bruciano il grasso della pancia, oppure che il cardio è il modo migliore per perdere peso. Se il proprio personal trainer afferma qualcosa del genere, sempre meglio accertarsi di ciò che dice chiedendo a qualche altro professionista del fitness, soprattutto quando sembra troppo bello per essere vero.

Chi promette risultati rapidi

Molte persone iniziano a fare attività fisica regolarmente con la speranza che sarà facile raggiungere i propri obiettivi sforzandosi per un po' di tempo. Anche se può sembrare scoraggiante, la verità è che non si può perdere 5 Kg in una settimana senza rischiare di avere gravi ripercussioni per la salute. Fare esercizio fisico porta a migliorare la salute, ma bisogna rispettare i tempi. Un buon allenatore non deve alimentare il proprio cliente con false speranze e non deve promettere cose impossibili solo per chiudere l'affare. Eliminare il grasso, perdere peso efficacemente, migliorare le capacità fisiche e/o l'equilibrio, aumentare la flessibilità sono tutti progressi che richiedono tempo e costanza.

Chi parla di addominali bassi, alti o medi

Il retto dell'addome (ovvero gli addominali) è un unico muscolo. Ciò significa che gli addominali bassi, così come quelli alti e quelli medi, non esistono. Se un personal trainer parla di addominali bassi o inferiori, alti o superiori, e medi sta dispensando informazioni sbagliate.

Trovare il personal trainer migliore per sé può fare davvero la differenza. Un buon allenatore, sincero e che riesce a motivare bene il proprio cliente, può esercitare un grosso impatto positivo. Poi, con il tempo e la costanza, arriveranno sicuramente i miglioramenti sperati nonché il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Commenti e opinioni