06 Aprile 2016

Perché È Meglio Allenarsi Con La Musica

Il legame tra l'essere umano e la musica è molto più profondo di quanto si possa pensare, e va oltre lo svago e il divertimento. Varie ricerche hanno dimostrato che la musica influenza lo stato d'animo della persona, e può altresì avere effetti positivi sullo svolgimento dell'attività fisica.

Uno studio pubblicato dalla American Council on Exercise (ACE) ha dimostrato che se si ascolta musica durante l'allenamento si tende naturalmente e inconsciamente a seguirne il ritmo con i movimenti del corpo. Quando il ritmo aumenta, accresce anche l'intensità dell'attività fisica [1].

Il dottor Costas Karageorghis ha definito la musica come "un tipo di droga legale per migliorare le prestazioni". Attraverso la sua ricerca, il dr. Karageorghis ha constatato che le persone che si impegnano a sincronizzare i propri movimenti con la musica hanno bisogno in media del 7% in meno di ossigeno per completare gli stessi esercizi svolti da coloro che non sincronizzano i movimenti con la musica [2].

Ciò che rende l'ascolto della musica durante l'attività fisica ancora più interessante è che essa cambia la percezione della fatica e della difficoltà dell'esercizio. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Medicine & Science in Sports & Exercise, ascoltare musica durante l'allenamento permette di migliorare la propria potenza fisica, e abbassa la percezione dello sforzo [3].

Altre ricerche dimostrano anche come i benefici a livello fisico apportati dalla musica si amplificano ulteriormente quando le persone non solo seguono il ritmo della musica, ma diventano esse stesse fonte del ritmo. Ciò viene definito "musical agency". Questa espressione coniata dal neuroscienziato cognitivo dr. Tom Fritz sta a indicare quella sensazione che si vive nel momento in cui si avverte il proprio corpo che sta lavorando, realizzando movimenti che "controllano" il ritmo. In pratica è il corpo stesso che crea il ritmo con i movimenti e che, allo stesso tempo, lo esegue [4, 5].

Questa situazione può avvenire per esempio quando si tira pugni a un sacco da boxe e si percepisce la qualità, la precisione e l'intensità dei colti che si assestano nel modo in cui questi risuonano. Un forte senso di "musical agency" diminuisce la percezione dello sforzo fisico e rende meno faticosa l'attività.

Per bruciare più calorie, aumentare la forza e la resistenza, e riuscire a completare al meglio anche l'allenamento più impegnativo, provare a usare il ritmo e la musica nei seguenti modi.

1. Trasformare la canzone preferita in un allenamento a intervalli: ogni volta che la canzone arriva al ritornello, raddoppiare il proprio passo e fare uno sprint. Ciò permette automaticamente di eseguire un allenamento a intervalli di 3-5 minuti. Se dunque si crea una playlist con 12 canzoni, si potrà effettuare un ottimo allenamento a intervalli che va dai 30 ai 50 minuti.

[Potrebbe interessarti: Esempi di Esercizi HIIT da Fare a Casa]

2. Ascoltare il corpo mentre lavora. Trasformare il proprio corpo in uno strumento ascoltandone i movimenti: i piedi che ritmicamente toccano terra mentre si corre, i pugni che affondano nel sacco da boxe, e così via. Si può anche battere le mani per fare un po' di rumore durante esercizi come lo squat o gli affondi.

3. Sincronizzare i movimenti al ritmo: svolgere gli esercizi a tempo di musica. Si consiglia di correre ascoltando una canzone con un ritmo veloce; mentre è meglio camminare e fare il sollevamento dei pesi seguendo una cadenza moderata. Per massimizzare al massimo l'allenamento, ricordarsi di regolare sempre il passo/colpo/movimento in base al ritmo della canzone.

4. Trasformare il proprio corpo in uno strumento: per gli allenamenti in cui è possibile ascoltare il corpo che lavora, si possono bruciare efficacemente più calorie diventando più "chiassosi". L'associazione di un suono a un movimento fornisce al corpo e al cervello un importante feedback utile per migliorare la coordinazione, la precisione, e il senso dello spazio.

Commenti e opinioni