23 Maggio 2016

Dormire Troppo: Quand'è che il Sonno Diventa Eccessivo?

Dormire poco è certamente un problema dato che il corpo necessita in media di otto ore di sonno a notte per ristorarsi al meglio. Tuttavia, alcuni studi suggeriscono che anche dormire troppo è altrettanto problematico. Ma quant'è troppo sonno?

In genere, per gli adulti è consigliabile dormire tra le 7 e le 8 ore a notte. In realtà la quantità di sonno varia da persona a persona, e può essere influenzata anche da fattori ambientali (come l'esposizione alla luce solare o alla luce blu) e dalla genetica [1, 2].

[Potrebbe interessarti: Come Gestire La Luce Blu Per Evitare Disturbi Del Sonno]

Non dormire a sufficienza per lunghi periodi di tempo può contribuire allo sviluppo di una condizione nota come "ebbrezza da sonno", che porta a sentirsi intontiti e disorientati durante il giorno. Tale disturbo può verificarsi sia quando si dorme troppo poco sia quando si dorme troppo. In entrambi i casi, l'eccesso o la mancanza di sonno possono sconvolgere il ritmo circadiano del corpo e il normale ciclo sonno-veglia.

Eccesso di sonno e problemi di salute

Proprio come per la mancanza di sonno, anche l'eccesso di sonno è legato ad alcuni problemi gravi di salute. La ricerca suggerisce che dormire più di 8 ore o meno di 7 ore a notte può causare un aumentato dei rischi di obesità, diabete, ipertensione e malattie cardiache [3, 4].

È interessante notare che i risultati di uno studio indicano che coloro che dormono meno di 5 ore o più di 6 ore per notte mostrano un aumento del rischio di mortalità precoce, suggerendo dunque che sono sufficienti anche solo 5-6 ore di sonno a notte [5]. Tuttavia, ulteriori studi per identificare i fattori di mortalità sono necessari.

Un'altra ricerca ha constatato che le persone che dormono per più di 9 ore oppure meno di 6-7 ore a notte hanno il doppio delle probabilità di sviluppare la demenza rispetto a coloro che normalmente dormono per 7 ore a notte [6].

Le persone che dormono troppo e hanno difficoltà a svegliarsi al mattino possono soffrire di ipersonnia, una condizione che in realtà raggruppa diversi disturbi del sonno accomunati dall'eccessiva sonnolenza. L'ipersonnia può derivare da una serie di fattori: dalle lesioni del sistema nervoso centrale fino ai comuni farmaci da banco.

In alcuni casi, anche l'abuso di alcol può alterare il ciclo sonno-veglia poiché questa sostanza ostacola le interazioni biochimiche nel corpo umano che avvengono durante le fasi più profonde del sonno.

L'eccesso di sonno può anche essere causato in parte da disturbi come la depressione. In questo caso può instaurarsi un vero e proprio circolo vizioso per cui coloro che soffrono di depressione spesso dormono più del solito perché si sentono giù, e ciò peggiora ulteriormente la loro situazione proprio perché passano troppo tempo a dormire. Bisogna altresì riconoscere che, nella maggior parte dei casi, le persone depresse hanno bisogno di cure e farmaci piuttosto debilitanti, che causano molta sonnolenza.

[Potrebbe interessarti: Come Migliorare il Sonno Naturalmente]

Qual è la giusta quantità di sonno?

Purtroppo, non è così facile capire qual è la quantità ideale di riposo notturno visto che ognuno di noi può necessitare di più o meno sonno. Per questo motivo è importante sperimentare. Si potrebbe, per esempio, coricarsi prima del solito e dormire fino a quando il nostro corpo decide di svegliarsi in modo naturale, senza la sveglia.

Si consiglia di fare questo test durante il fine settimana oppure quando non si è impegnati con il lavoro. Nel momento in cui si comincia a dormire pressappoco per la stessa quantità di tempo ogni notte, si può capire di quanto sonno ha regolarmente bisogno il proprio organismo per riposarsi a sufficienza. Può anche essere utile tenere un diario in cui annotare le ore di sonno e quelle di veglia, nonché altri dati come per esempio la frequenza e l'intensità dell'attività fisica, e la quantità di caffè assunta durante il giorno. La caffeina può influenzare molto il ciclo sonno-veglia, causando disturbi da non sottovalutare.

[Potrebbe interessarti: Quanto Caffè Si Può Bere Al Giorno?]

Bisogna tenere a mente che non dormire a sufficienza può avere conseguenze molto gravi. Bastano anche solo 24 ore senza dormire per causare alterazioni nel funzionamento dell'organismo umano pari a quelle prodotte da un tasso alcolemico nel sangue dello 0,1%. Lo stesso effetto potrebbe verificarsi se si dorme solo per 4-5 ore a notte per una settimana [7].

Inoltre, se si hanno debiti di sonno per via del lavoro o di altri impegni, è bene recuperare dormendo più del solito appena possibile. Uno studio ha constatato che una sola sessione di sonno pari a 10 ore migliora significativamente la funzione cognitiva dopo 5 notti in cui si è dormito solo 4 ore a notte [8].

Dormire troppo (o troppo poco) può avere conseguenze gravi per la salute e il benessere della persona. Può altresì essere un sintomo di altri problemi di salute. È dunque importante capire quali sono i fattori che causano l'eccesso di sonno. Ognuno di noi può necessitare di più o meno ore di riposo notturno, ma, generalmente, è consigliabile dormire regolarmente 7-8 ore a notte.

Commenti e opinioni