30 Giugno 2015

Cefalea di tipo tensivo e caffeina

La cefalea di tipo tensivo è uno dei mal di testa più comuni, e può manifestarsi con dolori continui oppure intermittenti. La cefalea tensiva può essere collegata a un'assunzione eccessiva di caffeina oppure a una sua astinenza.

Cefalea muscolo-tensiva

La cefalea di tipo tensivo si verifica quando i muscoli di spalle, collo, testa o mascella si irrigidiscono. Tale costrizione muscolare può essere causata da stress, depressione o ansia, sforzi fisici, postura scorretta o altri problemi di salute. Spesso questo tipo di mal di testa si verifica quando non si dorme abbastanza durante la notte o si saltano i pasti, oppure si fa abuso di alcool, droghe o medicine. Altri fattori scatenanti della cefalea di tipo muscolo-tensiva sono: digrignare involontariamente i denti o stringere la mandibola (ovvero il bruxismo, un problema che può manifestarsi mentre si dorme senza rendersene conto), tenere la testa sempre nella stessa posizione per lunghi periodi di tempo, lavorare al computer senza sosta.

In genere, la cefalea muscolo-tensiva interessa entrambi i lati della testa; comincia solitamente dalla parte posteriore del capo e si diffonde via via fino ad arrivare nella zona frontale. I muscoli di collo, spalle e mascella si possono tendere e provocare dolore, come se fossero stretti in una morsa.

Caffeina e mal di testa

Una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica The Journal of Headache and Pain, ha dimostrato che un alto consumo di caffeina porta a un aumento della frequenza della cefalea. Eppure, un'altra ricerca apparsa sul Clinical Pharmacology and Therapeutics ha invece constatato che l'ibuprofene in combinazione con la caffeina svolge un'azione analgesica utile proprio contro la cefalea di tipo tensivo.

Com'è possibile che la caffeina possa sia aiutare ad alleviare la cefalea di tipo tensivo sia peggiorare la condizione? La risposta risiede nel modo in cui la caffeina agisce e nella dipendenza che può creare. La caffeina viene spesso impiegata in diversi antidolorifici per renderli più efficaci e per migliorare altresì l'assorbimento dei farmaci, velocizzandone l'azione. Tuttavia, la caffeina crea dipendenza, il che significa che se si è abituati a ingerirla regolarmente, tramite per esempio caffè, tè, bevande energetiche, cioccolato o altri farmaci, e poi si smette, è possibile sviluppare i sintomi di astinenza, che includono anche il mal di testa. Inoltre, il frequente uso regolare di qualsiasi farmaco può causare ciò che è nota come cefalea di rimbalzo. L'unico modo per risolvere la cefalea da rimbalzo è quello di smettere di usare il farmaco imputato, ovviamente sotto supervisione del proprio medico.

Avvertenze

Se si soffre di cefalea di tipo tensivo, è bene innanzitutto prendere in considerazione fattori quali le condizioni di lavoro, il cuscino che si utilizza per dormire e, in generale, i livelli di stress che si accumulano durante il giorno. Per quanto riguarda il consumo eccessivo di caffeina, si consiglia di diminuirlo in modo graduale anziché bruscamente. Se la cefalea tensiva si presenta con frequenza e con dolori insopportabili, consultare il proprio medico.

Commenti e opinioni