28 Dicembre 2014

Respiro di Fuoco: Tecnica e Benefici

Il respiro di fuoco è una tecnica pranayama, o di controllo della respirazione, in cui si respira rapidamente, ritmicamente e continuamente attraverso le narici con uguale enfasi sull'inspirazione e sull'espirazione. Per godere appieno dei benefici di questa tecnica, bisogna cercare di concentrarsi sul chakra del plesso solare, o plesso celiaco (il chakra di colore giallo), situato all'altezza dell'ombelico.

Le prime volte che si utilizza questa tecnica di respirazione è meglio lavorare con un insegnante dato che si tratta di un pranayama avanzato. Il momento migliore per praticare questa tecnica pranayama è alla mattina o due-tre ore dopo i pasti. Si sconsiglia di adottare il respiro di fuoco prima di andare a dormire poiché dona molta energia e vitalità. Smettere di praticare questo pranayama se si manifestano capogiri o altri disturbi. Se si soffre di pressione alta, malattie cardiovascolari, ulcera, epilessia o ernia è bene consultare un professionista prima di utilizzare questo tipo di respirazione. Inoltre, sarebbe bene evitare il respiro di fuoco in caso di gravidanza o mestruazioni.

Benefici del respiro di fuoco

Secondo l'Istituto di ricerca Kundalini, il respiro di fuoco ossigena e disintossica il sangue, migliora il sistema nervoso e aumenta l'energia e la vitalità. Una pratica regolare di questo pranayama aiuta a incrementare la capacità polmonare, ripulire l'apparato respiratorio, bilanciare il sistema nervoso simpatico e parasimpatico, riscaldare il corpo per aumentare l'energia, rafforzare il sistema immunitario, sostenere la concentrazione, ridurre gli impulsi legati a qualsiasi dipendenza, e migliorare il senso di benessere generale.

Preparazione

Prima si praticare il respiro di fuoco, bisogna prendere confidenza con la respirazione addominale, nota anche come respirazione diaframmatica, e possibilmente conoscere la respirazione Ujjay (respiro vittorioso).

Per prepararsi al respiro di fuoco, sedersi in una posizione comoda, preferibilmente sul pavimento, con la spina dorsale e il collo dritti, le spalle rilassate, il petto all'infuori, e il mento leggermente avanti in modo da allineare la colonna vertebrale con la parte posteriore della testa. Appoggiare le mani sulle gambe e rilassarsi.

Tecnica per eseguire il respiro di fuoco

Iniziare facendo qualche respiro profondo. Quindi proseguire inspirando ed espirando rapidamente attraverso il naso. L'inspirazione e l'espirazione devono essere di pari durata. L'espirazione è la parte attiva di tutto il movimento poiché comporta una rapida contrazione dell'addome verso l'interno; mentre quando si inspira l'aria entra dalle narici in modo spontaneo con il rilassamento della contrazione addominale, permettendo così ai polmoni di introdurre aria.

Ricordare che il respiro di fuoco viene eseguito sempre con il naso, e il ritmo della respirazione è pressappoco di due o tre cicli al secondo. Inizialmente, si consiglia di praticare questa tecnica pranayama da uno a tre minuti consecutivi. Successivamente si può arrivare anche a 10-15 minuti di respirazione.

Commenti e opinioni