28 Novembre 2015

Integratori naturali efficaci quanto i farmaci per diabete, colesterolo, ipertensione e infiammazioni

La maggior parte degli integratori non producono effetti paragonabili a quelli delle medicine. Tuttavia, alcuni integratori naturali possono risultare efficaci almeno quanto i farmaci, se non addirittura di più, nel trattare problemi di salute come il diabete, il colesterolo, le infiammazioni e la pressione alta.

Berberina: efficace contro il diabete e il colesterolo

La berberina è una sostanza che viene estratta da alcune piante del genere Berberis. La berberina può apportare diversi benefici all'organismo umano, ma è particolarmente efficace nel ridurre i livelli di zucchero nel sangue. Si pensa che la riduzione dei livelli di glucosio nel sangue avvenga attraverso numerosi meccanismi, tra cui l'abbassamento della produzione di glucosio nel fegato e il miglioramento della sensibilità all'insulina [1, 2].

Gli studi hanno dimostrato che l'assunzione di integratori di berberina può diminuire i livelli di zucchero nel sangue in maniera simile alla metformina, il famoso farmaco per trattare il diabete di tipo 2 [3].

La berberina è inoltre efficace nel migliorare altri aspetti della salute umana. Essa può infatti ridurre il colesterolo totale e quello cattivo (LDL), e abbassa i trigliceridi nel sangue nonché la pressione sanguigna, con una conseguente riduzione del rischio di malattie cardiache [4, 5].

Altri studi affermano anche che la berberina può avere effetti antibatterici, e può aiutare a prevenire l'insufficienza cardiaca, il cancro e il morbo di Alzheimer [6, 7, 8].

La berberina è un integratore naturale molto potente, che svolge una vasta gamma di effetti, quindi bisogna utilizzarla con cautela. Sicuramente è necessario avere l'approvazione del proprio medico prima di assumere questo integratore.

Curcumina come antinfiammatorio e antiossidante

La curcuma è una spezia molto apprezzata nelle cucine di tutto il mondo, ed è nota soprattutto come l'ingrediente principale per la preparazione del curry. La curcuma contiene una potente sostanza antiossidante chiamata curcumina, che apporta molti benefici all'organismo umano. In particolare, la curcumina combatte l'infiammazione a livello molecolare, bloccando la risposta infiammatoria da parte del complesso proteico NF-kB [9].

La curcumina è in grado di contrastare molti processi infiammatori, ed è risultata molto utile per il trattamento naturale dell'artrite. In uno studio condotto su 45 pazienti con l'artrite reumatoide, 500 mg di curcumina al giorno si sono dimostrati più efficaci del farmaco antiinfiammatorio diclofenac [10].

Oltre a ciò, la curcumina svolge un'importante azione antiossidante, utile per migliorare la salute del cuore, prevenire il cancro e il morbo di Alzheimer [11, 12, 13]. Secondo alcune ricerche, la curcumina può altresì contribuire a combattere la depressione. In uno studio condotto su 60 pazienti depressi, la curcumina è risultata efficace quanto il farmaco antidepressivo Prozac [14].

La curcumina può essere introdotta nel proprio organismo consumando regolarmente la curcuma o il curry come condimento nelle proprie ricette culinarie. Tuttavia, la curcumina non viene assorbita molto facilmente, quindi si potrebbe avere la necessità di assumere un integratore dietetico di tale sostanza, che contenga possibilmente anche la piperina/bioperina, una sostanza capace di aumentare la biodisponibilità della curcumina fino al 2000% [15].

[Potrebbe interessarti: Spezie per la salute del cervello]

Lievito di riso rosso per abbassare il colesterolo LDL e prevenire malattie cardiache

Le statine sono tra i farmaci più prescritti al mondo. Questi medicinali inibiscono la produzione di colesterolo nel fegato, determinando così una significativa riduzione dei livelli di colesterolo. Effetti molto simili possono essere ottenuti da estratti ricavati da un tipo di riso fermentato, nello specifico, dal lievito di riso rosso.

Il riso rosso fermentato contiene la lovastatina, un tipo di statina. Una ricerca che ha esaminato 93 studi clinici controllati, ha constatato che, in media, il lievito di riso rosso può abbassare il colesterolo totale di 34mg/dL, le LDL di 28mg/dL, e i trigliceridi di 35mg/dL, e può aumentare le HDL (conosciute anche come colesterolo "buono") di 6mg/dL [16]. Inoltre, il lievito di riso rosso aiuta a diminuire il rischio di attacchi di cuore del 45%, riducendo la mortalità del 33% [17].

Tenere a mente che, anche se naturale, il lievito di riso rosso funziona proprio come i farmaci statine, e può avere effetti collaterali simili, tra cui crampi muscolari, nausea, dispepsia, cefalea, aumento del rischio di diabete, epatotossicità.

Aglio contro l'ipertensione arteriosa

L'aglio è senza dubbio uno dei vegetali più apprezzati al mondo per via delle proprietà antimicrobiche e antibiotiche dell'allicina contenuta in esso [18]. Tra i tanti benefici, l'allicina è molto utile per favorire la salute del cuore [19]. Vari studi hanno dimostrato che l'aglio può abbassare il colesterolo totale e le LDL di circa il 10-15% [20, 21]. 

Inoltre, l'aglio aiuta a regolare la pressione sanguigna alta, una delle principali cause di ictus, infarti, malattie renali e morte prematura [22]. In uno studio condotto su 210 soggetti ipertesi, l'estratto di aglio si è dimostrato più efficace del farmaco atenololo [23].

L'aglio sembra essere anche efficace per rinforzare il sistema immunitario e contribuire a combattere i malanni di stagione. In una ricerca, gli integratori naturali di aglio hanno ridotto il numero di raffreddori del 63% e la durata dei sintomi del raffreddore del 70% [24].

Qualsiasi integratore naturale, non importa quanto efficace possa essere, non può mai sostituire uno stile di vita sano, caratterizzato da una dieta equilibrata, attività fisica regolare, e adeguato riposo. Detto ciò, questi integratori naturali possono essere utili per coloro che necessitano di qualche aiuto per gestire i propri problemi di salute senza esagerare con le medicine. Queste supplementazioni, anche se naturali, sono molto potenti, quindi è sempre necessario avere il parere del proprio medico, soprattutto se già si stanno assumendo farmaci.

Commenti e opinioni