31 Luglio 2012

9 modi per accelerare naturalmente il metabolismo

Il metabolismo basale, ovvero l'energia impiegata dal corpo per svolgere le funzioni metaboliche vitali (respirazione, digestione, circolazione del sangue ecc.), è generalmente determinato da fattori genetici.

Tuttavia, esistono dei metodi naturali per "ingannare" la genetica e aumentare il proprio metabolismo spingendolo a bruciare più calorie in modo più efficiente.

Un metabolismo lento può ridurre le possibilità di perdere peso e di sentirsi in forma e riposati. Dunque, vediamo quali sono i 9 modi non invasivi e naturali per accelerare il proprio metabolismo e allo stesso tempo essere carichi di energia.

1. Vitamine del gruppo B

Le vitamine del gruppo B svolgono un ruolo chiave nella sintesi del DNA, nel sistema nervoso centrale, nel metabolismo di carboidrati, grassi e proteine ​​e nella produzione di energia. Un apporto inadeguato di piridossina (B6 o vitamina Y), cobalamina (B12), acido folico (B9 o vitamina M), tiamina (B1) e niacina (B3 o vitamina PP) può causare sintomi di stanchezza e depressione, rallentando il metabolismo e aumentando il rischio di sviluppare malattie croniche. Le vitamine del gruppo B possono essere assunte tramite un'alimentazione equilibrata, in modo da combinare queste con altre vitamine e minerali. I cibi ricchi di tali vitamine sono: spinaci, asparagi, legumi (soprattutto fagioli di soia e fagioli neri), melone, banane, broccoli, patate, pesce (in particolare tonno), ortica, germe di grano, nocciole, mandorle, noci, frattaglie e uova.

2. Magnesio

Il magnesio è un minerale utile per la muscolatura, i nervi, le funzioni del cuore, la sintesi proteica e per dare energia al metabolismo. Gli alimenti ricchi di magnesio sono: verdure a foglia verde tra cui gli spinaci, pesce halibut, frutta secca come mandorle, anacardi e arachidi, fagioli di soia (edamame), cereali integrali, miglio, grano saraceno, avena, germe di grano, cacao e legumi (soprattutto fagioli dell'occhio e lenticchie).

3. Fare la colazione

Fare la colazione può aumentare il metabolismo basale fino al 10%, riducendo il rischio di obesità e diabete. La colazione deve essere sana, costituita da cereali integrali e frutta oppure pane integrale e burro di arachidi (preferibilmente biologico), o ancora yogurt magro e una manciata di muesli. Bisogna evitare di rimanere a stomaco vuoto fino a pranzo o fino a più di 2 ore dal risveglio. Insomma, è necessario evitare di cominciare a sentire quella sensazione di fame eccessiva (in cui si mangerebbe anche un tavolo), e questo perché, se si giunge a tale condizione, l'organismo percepisce un calo di risorse alimentari, quindi si innesca un meccanismo di sopravvivenza in cui il corpo comincia ad accumulare calorie e grassi in previsione di un futuro periodo di magra.

4. Fare spuntini regolarmente

Fare spuntini regolarmente può aiutare non solo ad aumentare la propria energia psico-fisica, ma anche quella del proprio metabolismo. Come per la colazione, mangiare degli snack sani (vedi: 5 snack per perdere grasso sulla pancia) contribuisce a evitare quella "sindrome" da fame eccessiva che poi porta al sovrappeso perché ci si strafoga tutto in una volta, mangiando di tutto, in fretta, e provocando altresì quella sensazione di letargia. Per mantenere il metabolismo attivo ed evitare i sintomi di pesantezza bisogna quindi fare uno spuntino al massimo ogni 2 ore. Ogni spuntino deve includere un apporto bilanciato di carboidrati sani e proteine. Si consigliano: burro di arachidi e banana oppure hummus e carote/sedano/finocchio, o ancora una mela con un pezzetto di formaggio a basso contenuto di grassi. La combinazione di proteine ​e carboidrati aiuta a regolare i livelli di zuccheri nel sangue, i tassi energetici e la sensazione di sazietà.

5. Attività fisica

L'esercizio fisico costante aumenta il metabolismo e, in estate specialmente, contribuisce a regolare la sudorazione. Basta anche soltanto una camminata di 30 minuti al giorno per arrivare a bruciare circa 250 calorie, ottenendo ottimi risultati dal punto di vista della linea. Ma non finisce qui, perché quella camminata di mezz'ora ha dato una bella spinta energetica al proprio metabolismo che verrà accelerato per altre 2-4 ore incrementando la capacità dell'organismo di bruciare calorie in modo efficace. Anche l'allenamento con i pesi ripetuto per 2-3 volte a settimana è ottimo per migliorare le funzioni metaboliche.

6. Allenamento a intervalli

Parlando di attività fisica, alternare dei momenti di velocità a momenti più lenti è un ottimo metodo per accelerare il metabolismo, e allo stesso tempo rendere gli esercizi più divertenti. In un allenamento a intervalli si alternano momenti di attività brevi ma intensi con momenti di attività più lunghi e meno intensi. Per esempio, durante una corsa si può combinare un leggero jogging con degli scatti, oppure salite veloci con discese lente e così via. L'allenamento intervallato interviene nell'azione dei mitocondri (gli organelli cellulari che producono energia) spingendoli a bruciare più grassi. In questo modo si consumano più calorie, si aumenta il tasso metabolico e si migliorano le proprie prestazioni sportive.

7. Allenamento di resistenza

Man mano che si invecchia, l'organismo tende a perdere la muscolatura, ad aumentare il grasso e a diminuire il metabolismo. Un metodo per contrastare il calo metabolico è attraverso un allenamento che sviluppi la forza e la resistenza. Con questo tipo di allenamento si aumenta la capacità dell'individuo di sostenere per un lungo periodo di tempo un determinato sforzo, senza che si verifichi un calo nelle prestazioni. In tale modo vengono stimolati i muscoli che diventano quindi più forti e sani. Inoltre, si riduce la massa grassa a favore di quella muscolare, si prevengono malattie cardiovascolari, facilitando altresì una maggiore aspettativa di vita.

8. Non eliminare le calorie

Privare l'organismo di carburante è un modo per rallentarlo. Il cibo stimola la produzione di energia necessaria per la digestione attraverso il processo della termogenesi indotta (TID). Se si eliminano le calorie, le calorie bruciate mentre si mangia diminuiscono notevolmente, e così il tasso metabolico. Inoltre, l'organismo interpreta l'eliminazione delle calorie come un chiaro segnale che non c'è cibo a disposizione, e quindi prova a conservare le riserve di carboidrati e grassi rallentando il metabolismo. Si ricorda quindi che il metodo migliore per mantenere attivo il metabolismo è quello di mangiare pasti regolarmente (al massimo ogni 2 ore), cominciando dalla colazione e prevedendo dei momenti di pausa con snack sani. In questo modo il proprio corpo avrà un rifornimento costante di carburante.

9. Idratazione

Si sa che bere acqua regolarmente è la chiave per restare sani e in forma. È altresi un ottimo metodo per accelerare il metabolismo perché favorisce le funzioni renali. Se poi la bevanda è fredda (non ghiacciata), il corpo richiederà più dispendio di energia per riportare la propria temperatura ai livelli ottimali, accelerando così il metabolismo.

 

Potrebbe interessarti anche:

Frutta che accelera il metabolismo

Mangiare per aumentare il metabolismo e perdere peso

Le erbe che aiutano ad accelerare il metabolismo

Commenti e opinioni