25 Febbraio 2015

Odore corporeo forte e sgradevole: cause e rimedi naturali

L'odore corporeo forte e sgradevole è un problema imbarazzante che può interessare molti. Anche se i prodotti commerciali a base di sostanze chimiche, spesso aggressive, aiutano a controllare temporaneamente l'odore del corpo, il più delle volte non sono in grado di risolvere il problema alla radice. Si consiglia quindi innanzitutto un approccio naturale, cercando di capire quali sono le cause, in modo da individuare il rimedio migliore al proprio caso specifico.

Quali sono le cause dell'odore corporeo sgradevole

Prima di tutto, l'odore del corpo forte è naturalmente causato da una scarsa o inadeguata igiene personale, che non riesce a pulire correttamente i "pasticci" provocati dal corpo. Per esempio, il sudore contiene batteri, e se lo si lascia asciugare sulla pelle comincia a puzzare. Ma quando ci si lava regolarmente e si continua ad avere un odore sgradevole, cosa sta succedendo? Dove si sbaglia? Cerchiamo di capire meglio come funziona il nostro corpo per risolvere questo imbarazzante problema.

Il corpo umano è una sorta di macchina che lavora costantemente, generando prodotti di scarto che sono semplicemente parte dei suoi processi naturali (digestione dei cibi, sudorazione della pelle per espellere i rifiuti, continuo ricambio cellulare, e così via). Tali prodotti di scarto vengono escreti anche tramite la pelle, producendo odori poco gradevoli. Non a caso, una delle funzioni più importanti delle ghiandole sudoripare delle ascelle è proprio quella di espellere le tossine dal corpo. La sudorazione è quindi una parte fondamentale per mantenersi in buona salute. Bisogna infatti dare al proprio corpo la possibilità di sbarazzarsi delle tossine attraverso i vari processi metabolici (minzione, eliminazione della materia fecale, espulsione dell'anidride carbonica e di altri composti dannosi attraverso i polmoni, e, come già detto, escrezione attraverso la pelle).

Nelle donne, inoltre, le mestruazioni e lo stress spesso aumentano notevolmente il grado di odore del corpo. Anche problemi dovuti alla presenza di lieviti come la Candida possono dar vita a un odore simile alla birra, prodotto dalla conversione dello zucchero in alcool.

Tra le cause più comuni degli odori corporei sgradevoli, abbiamo altresì un'alimentazione troppo ricca di alimenti di origine animale, soprattutto cibi contenenti carnitina, un aminoacido presente principalmente nelle carni bovine e suine. All'interno dell'intestino, la carnitina rilascia residui che devono essere processati dalla flora batterica intestinale. In particolare, un enzima conosciuto come monoossigenasi contenente flavina è deputato alla corretta scomposizione di tali residui fino a renderli inodore e pronti per essere espulsi. Se quindi si esagera con i prodotti di origine animale e si ha una flora batterica intestinale sbilanciata, l'odore del corpo potrebbe ricordare molto la puzza del pesce. In questo caso, è vivamente consigliato diminuire o eliminare il consumo di carne, e mangiare alimenti ricchi di probiotici per regolare la flora intestinale.

Tra le altre cause che portano ad avere un odore corporeo sgradevole possono esserci carenze di tipo sistemico all'interno dell'organismo.

Sicuramente ci sono persone che curano insufficientemente la loro igiene personale tanto da essere soggetti a sgradevoli odori corporei eppure, esistono casi in cui i fenomeni si manifestano per altre particolari ragioni. Le ghiandole che producono il sudore sono di due tipi, ossia eccrine e apocrine. Le prime si concentrano soprattutto sotto le ascelle e sotto i piedi (i posti più soggetti a emanare cattivi odori), e sono ghiandole che si surriscaldano quando la temperatura corporea è elevata. Le seconde, invece, si trovano sotto le ascelle e nell'inguine ma non hanno nessuna correlazione con l'eccessivo calore corporeo.

Si ricorda quindi che, dato che la pelle è il più grande organo del corpo, è bene lavarla quotidianamente (soprattutto le aree più soggette a sudorazione), trattandola delicatamente e cercando di evitare il più possibile saponi aggressivi e deodoranti cosiddetti "anti-traspiranti" poiché bloccano i pori e non consentono alle tossine di uscire fuori. Molte persone inoltre sono intolleranti ai deodoranti che esistono in commercio; si possono tuttavia acquistare prodotti privi di agenti chimici irritanti. In genere, affinché il deodorante svolga al meglio la sua azione, si consiglia di usarlo alla sera, prima di coricarsi, applicandolo sotto le ascelle ben lavate e asciugate. Al mattino, poi, è bene lavare nuovamente le ascelle e riapplicare il deodorante.

Odore corporeo forte e sgradevole: rimedi naturali

Acqua ossigenata

L'acqua ossigenata al 3% può essere miscelata nella quantità di un cucchiaio da tavola in 200 ml di acqua. Questo rimedio si utilizza per tamponare delicatamente le ascelle con una garza o con un batuffolo di ovatta. L'operazione va ripetuta almeno tre volte al giorno per impedire il proliferare dei batteri.

Sciacqui con l'aceto

L'aceto è un antisettico naturale e può aiutare a uccidere i batteri e i funghi che si annidano sulla superficie della pelle. Innanzitutto si lavano regolarmente le zone interessate dal cattivo odore; poi si spruzza l'aceto di sidro di mele oppure quello bianco sulle aree più odorose; dopodiché, si tampona con un panno fino ad asciugare il trattamento.

L'aceto è inoltre il rimedio della nonna più usato per effettuare salutari pediluvi non solo perché disinfetta ed elimina gli odori sgradevoli ma anche perché cura le malattie fungine che colpiscono facilmente le aree plantari. Basta mettere i piedi a bagno ogni sera per 20 minuti in una miscela formata da una parte di aceto e due parti di acqua calda.

Pediluvio con tè nero e salvia

Il tè nero è un altro elemento naturale ottimo per deodorare e contrastare la sudorazione eccessiva grazie alla presenza dei tannini. Il pediluvio serale va fatto in un catino di acqua calda a cui bisogna aggiungere una tazza di infuso di tè ben concentrato. Un'altra pianta aromatica che può essere d'aiuto è la salvia, che possiede importanti virtù antiodore. Il pediluvio va effettuato in una bacinella d'acqua calda a cui si aggiunge un bicchiere di decotto realizzato con una manciata di foglie fresche di salvia.

Lavaggi intimi con la malva

Gli odori femminili sgradevoli, spesso dovuti all'alterazione del pH causato dalle secrezioni vaginali, potrebbero essere sintomo di un'infezione causata da batteri, ma anche di un aumento di ferormone o addirittura di un eccesso di pulizia. Per una corretta igiene intima è bene effettuare lavaggi quotidianamente, ma se non si vuole ricorrere a prodotti commerciali perché troppo aggressivi, si può optare per il sapone di Marsiglia oppure il sapone di Aleppo.

Lavaggi ancora più delicati invece si possono fare con la malva, una pianta dalle elevate proprietà lenitive ed emollienti, utili per mantenere equilibrato il pH vaginale e della pelle in generale, contrastando i fastidiosi bruciori. Si può fare un decotto mettendo a bollire, in circa un litro di acqua, dieci grammi di malva; dopodiché si lascia raffreddare, e infine si può impiegare il rimedio per praticare abluzioni.

Olio essenziale di tea tree e amamelide

L'olio essenziale di tea tree è un antisettico naturale, mentre l'acqua di amamelide aiuta a regolare il pH della pelle, rendendola indesiderabile ai batteri. Per godere dei benefici dell'olio essenziale di tea tree, si consiglia di miscelarne tre o quattro gocce in un bicchiere di acqua per tamponare le aree interessate dal disturbo. Dopodiché si può usare l'acqua di amamelide per risciacquare.

Erba di grano o clorofilla

L'erba di grano e la clorofilla si possono acquistare in polvere presso le erboristerie. Tali integratori agiscono dall'interno come deodoranti naturali e possono aiutare a mantenere un buon odore corporeo. Questi rimedi sono consigliati anche nei casi di alitosi.

Fanghi

Il fango è un ottimo espediente naturale per eliminare i cattivi odori. Uno strato di fango spalmato sotto le ascelle, fatto essiccare e poi eliminato con un normale lavaggio, riesce a portare via lo strato di cellule morte e batteri causa dell'odore corporale spiacevole. Questo rimedio naturale può venire in soccorso durante situazioni particolari, come per esempio in campeggio.

Fibre naturali

Indossare indumenti di fibre naturali, come il cotone, consente una maggiore traspirazione e un migliore flusso d'aria sulla superficie della pelle, aspetti necessari per mantenere la cute asciutta e tenere lontana l'umidità, la quale attirerebbe più batteri.

Dieta

Alcuni alimenti e spezie possono causare cattivi odori a trasudare attraverso i pori dopo averli mangiati. Come abbiamo già detto un consumo eccessivo di prodotti di origine animale non è consigliato. Ma bisogna stare altresì attenti ad alcuni vegetali, in particolare cipolle e aglio, così come alle bevande contenenti caffeina. Anche il peperoncino può facilitare l'emissione di cattivi odori poiché favorisce una rapida sudorazione.

È bene ricordare che l'odore corporeo forte e sgradevole può essere dovuto a un'incapacità da parte dell'organismo di digerire adeguatamente i cibi, a causa di carenze di enzimi o problemi digestivi. In questi casi, si consiglia innanzitutto il consumo di alimenti ricchi di probiotici per regolarizzare la flora batterica dell'intestino. Anche l'assunzione di un cucchiaio di aceto di sidro di mele diluito in un bicchiere d'acqua mezz'ora prima dei pasti può favorire la digestione.

Detox

Quando l'odore corporeo sgradevole è causato da un problema interno all'organismo, disintossicarsi è la soluzione migliore. Ci sono diversi alimenti che aiutano a purificare il corpo, in particolare i vegetali e i succhi di frutta o verdura appena spremuti (non commerciali). Inutile dire che i cibi infiammatori come carne, latticini, grassi trans e idrogenati, e altri grassi saturi vanno eliminati. Oltre a ciò, sessioni regolari in sauna aiutano la rimozione delle impurità attraverso la pelle.

Se il problema dell'odore corporeo forte e sgradevole dovesse persistere nonostante tutti gli accorgimenti e i rimedi naturali usati, è vivamente consigliato un controllo dallo specialista.

Commenti e opinioni


Commenti   

0 #4 alessandra 2016-11-22 22:30
Certamente l alimentazione è un fattore importante, quanto il peso. Ho perso 9 kili, ossatura finissima, pesandone 99. in tre mesi. Mangiando frutta per tre giorni. Grande potere di sazietä. E devo continuare con frutta verdura, eliminando cibi grassi. Tuttavia, ho degli sbalzi di stancchezza, mal di stomaco occasionale, misura e spessore delle mie protesi dentarie, non idonee allo spessore dei binari gengivali, guarita dalle infezioni, con 80 ore di levigatura da me, delle protesi. Il dentista considerando il suo lavoro finito. Ho occasionalmente insetti annidati sotto cute, estate terribile pur lavandoni abbastanza regolarmente. Il dermatologo del pronto soccorso di Bari, mi ha diagnosticato : in amnesi : figuriamoci, " una grattulosi " che semmai credo sia piu un effetto e
che una causa. E questi insetti continuano in minor misura.anche d inverno e anche in Albania dove mi prescrissero una crema antibiotica e curativa, scozzese, di cui non ricordo il nome. Guarendo. Mi chiedo se devo recarmi da un endocrinologi, o basta seriamente eliminare i cibi animali, ma anche di derivatione animale ? Provare per credere ? Grazie per ogni maggior raguaglio.
Citazione | Segnala all'amministratore
0 #3 alessandra 2016-11-22 22:14
I vostri articoli su cause, rimedi, e consigli sono molto utili e illuminanti.
mille grazie.
Citazione | Segnala all'amministratore
+1 #2 +vivi 2016-01-05 09:19
Citazione abc:
Potreste dirmi quali sarebbero gli specialisti a cui potersi rivolgere?
Grazie


Caro/a abc,

se il problema è legato alla pelle, come per esempio funghi o eccessiva sudorazione (iperidrosi), dovrebbe recarsi da un dermatologo.

Saluti
Citazione | Segnala all'amministratore
0 #1 abc 2016-01-04 23:31
Potreste dirmi quali sarebbero gli specialisti a cui potersi rivolgere?
Grazie
Citazione | Segnala all'amministratore