11 Giugno 2014

Pancia gonfia: 10 cause del gonfiore addominale

Il problema della pancia gonfia può essere causato da diversi fattori tra cui meteorismo, mancanza di attività fisica, stress, colite, gravidanza e altre cause che vedremo nel dettaglio qui sotto. Il gonfiore addominale spesso può essere risolto facilmente adottando una dieta sana ed equilibrata e migliorando il proprio stile di vita.

Fruttosio

Molte frutte sono ottime come spuntino perché dolci, ricche di nutrienti, rinfrescanti e dissetanti. Purtroppo però alcune frutte come l'anguria, le mele, le pere e il mango, hanno un elevato rapporto fruttosio/glucosio, che può causare un'eccessiva produzione di gas intestinale e gonfiore allo stomaco, soprattutto in coloro che hanno difficoltà a digerire il fruttosio. In questi casi è bene mangiare frutta con un rapporto più equilibrato fruttosio/glucosio come per esempio banane, albicocche e mirtilli.

Mancanza di esercizio fisico

L'attività fisica stimola i muscoli del tratto digestivo, necessari per facilitare il passaggio del cibo e dell'aria attraverso l'apparato gastrointestinale, e in questo modo si evita il gonfiore allo stomaco.

Stress da lavoro

Quando ci si sente stressati e sotto pressione per alcune scadenze da rispettare, si sperimenta la classica "reazione di lotta o fuga", con una deviazione del flusso di sangue dal tratto gastrointestinale ai muscoli, nonché tachicardia. In questo modo si rallenta la digestione, provocando il gonfiore addominale. Inoltre, quando si è sotto stress, si tende a respirare più intensamente, ingoiando più aria del solito, e ciò può portare ad avere la pancia gonfia. Per sentirsi meglio, oltre a cercare di rilassarsi, è sufficiente respirare più lentamente, espirando un po' più a lungo rispetto all'inspirazione.

Viaggiare

Molte persone possono soffrire di stitichezza quando viaggiano. I cambiamenti nel proprio ritmo circadiano infatti interferiscono negativamente con gli ormoni che facilitano il passaggio dei rifiuti alimentari attraverso l'intestino. Quando i batteri nell'intestino producono aria, i gas intestinali possono rimanere intrappolati nell'apparato digerente causando gonfiore. Per prevenire questo fastidio è bene cercare di rispettare la propria routine quotidiana, consumando i pasti e andando a dormire come d'abitudine.

Sindrome da contaminazione batterica dell'intestino tenue (SIBO, dall'inglese Small intestinal bacterial overgrowth)

L'eccessiva crescita batterica nell'intestino tenue (SIBO) porta a livelli anormali della presenza di microbi che colonizzano l'intestino tenue. Ciò può provocare un'elevata produzione di gas intestinali e pancia gonfia. La gastroenterite può compromettere i meccanismi di difesa del corpo che normalmente confinano i batteri fuori dal piccolo intestino, causando la sindrome da contaminazione batterica del tenue. Tale sindrome viene diagnosticata con un esame dell'aspirato digiunale e può essere trattata con antibiotici talvolta associati a probiotici.

Meteorismo

L'eccessiva formazione di aria nella pancia provoca un gonfiore piuttosto violento accompagnato da pesantezza allo stomaco e tensione addominale. In genere, chi soffre di meteorismo ha anche problemi di stitichezza o comunque difficoltà nella digestione, oppure colite, o ancora aereofagia.

Somatizzazione

Spesso l'eccesso di nervosismo o di ansia portano alla somatizzazione, che si manifesta con l'espressione di un disturbo psichico attraverso il corpo. L'intestino, e in generale l'apparato digerente, sono gli organi fisici maggiormente coinvolti nel momento in cui la persona avverte un disagio. Questo fenomeno può portare a soffrire di diarrea, reflusso gastrico, ulcera, e gonfiore addominale.

Alimenti che favoriscono la produzione di gas intestinali

Alcuni vegetali favoriscono la produzione di gas nell'intestino: legumi, broccoli, rape, cavoletti di Bruxelles, cavoli, cavolfiori, cipolle, e peperoni. In particolare, per quanto riguarda i legumi, gli oligosaccaridi presenti in essi risultano resistenti alla digestione, passando inalterati attraverso l'intestino superiore e, una volta raggiunto l'intestino inferiore, i batteri qui presenti se ne cibano producendo elevate quantità di gas. Per questo motivo, anche gli altri alimenti ricchi di carboidrati complessi come l'avena, che quindi contengono oligosaccaridi, tendono a provocare gonfiore.

Fumo e chewing-gum

Fumare causa gonfiore allo stomaco perché nel momento in cui si fuma si tende a ingerire anche più aria del normale. Lo stesso vale per le gomme da masticare dato che, quando si mastica e si butta giù la saliva, si va a ingerire anche più aria, che si accumula nello stomaco.

Altro

In genere, la pancia gonfia può essere causata da altri fattori come: gravidanza; menopausa; coliti; stipsi; intolleranze alimentari, in particolare al lattosio; bevande gassate; dolcificanti artificiali; alimenti fritti e/o ad alto contenuto di grassi; mangiare di fretta.

Commenti e opinioni