17 Febbraio 2015

Psoriasi: cause e rimedi naturali

La psoriasi è una malattia autoimmune che interessa la pelle, provocando fastidiose e dolorose eruzioni sulla cute. Non c'è pericolo di trasmissione per contagio o infezione. Chi soffre di psoriasi può non riuscire a non liberarsene mai completamente poiché si tratta di una malattia cronica e recidivante. Per trattare la psoriasi si possono adottare diversi rimedi naturali, ma vediamo prima quali sono le cause più comuni.

Quando nel nostro organismo cominciano a verificarsi segnali anomali nel sistema immunitario, le cellule cutanee accrescono il loro sviluppo, e potrebbe insorgere la psoriasi. Essa si presenta con eruzioni sulla pelle, con un fastidioso prurito e talvolta anche con pustole a seconda dei vari casi. Le zone colpite sono innumerevoli, nello specifico palpebre, gomiti, testa oppure orecchie, ma anche altre zone possono essere interessate dalla patologia.

Esistono vari tipi di psoriasi ossia quella a placche, che è la più comune, quella inversa, che si presenta nelle pieghe del corpo con macchie rosse, quella pustolosa, la quale si manifesta con l'eruzione di bolle piene di pus, quella eritrodermica, una forma rara di psoriasi che colpisce con arrossamenti gran parte della superficie corporea, quella infantile, e infine quella guttata. Quest'ultima, in particolare, si può presentare nella primissima infanzia o nell'eta adolescenziale e se si mostra nella sua forma più grave, presenta delle macchie grandi quanto una moneta, e viene definita "nummulare".

Psoriasi: cause principali

Le cause della psoriasi vengono attribuite a batteri o infezioni virali anche di ordinaria frequenza come per esempio malattie da raffreddamento acute o mal di gola.

Un fattore scatenante di questa patologia potrebbe essere addirittura l'aria troppo secca dell'ambiente in cui si vive o si lavora, quindi per ovviare a tale problema si potrebbe ricorrere a un umidificatore ambientale.

Oltre a ciò, la psoriasi può essere causata da un semplice taglio, un'ustione o la puntura di qualche insetto.

Altre cause possono essere rappresentate da medicinali come il litio, i beta-bloccanti, i FANS, i salicilati, l'interferone, e i farmaci antimalarici.

Sembra inoltre esserci una connessione tra i celiaci e la psoriasi: in genere, coloro che soffrono di psoriasi possono sviluppare più facilmente un'intolleranza al glutine. Diverse ricerche, tra cui una pubblicata sulla rivista Digestion, hanno dimostrato che una dieta priva di glutine ha migliorato visibilmente il problema della psoriasi.

Tra le altre cause possono esserci l'obesità, l'eccessiva esposizione ai raggi UV, la xerosi, le irritazioni, lo stress, e fattori di tipo ereditario e di tipo ambientale.

Naturalmente, sono più propense a essere colpite quelle persone che hanno un sistema immunitario debole come coloro che bevono molto alcol, chi soffre di artride reumatoide, chi sta effettuando la chemioterapia, e chi ha l'AIDS.

Psoriasi: rimedi naturali

Aloe vera: secondo uno studio in doppio cieco pubblicato sulla rivista scientifica Tropical medicine and international health, l'aloe vera sotto forma di crema idrofila è un valido trattamento alternativo per curare i pazienti colpiti da psoriasi. In particolare l'aloe aiuta anche a sopportare meglio il prurito e il dolore provocati dall'infiammazione. Nella ricerca appena citata, la crema all'aloe è stata applicata sulla cute interessata dal problema per un mese, tre volte al giorno, e per almeno 5 giorni consecutivi a settimana.

Mahonia aquifolium: si tratta di una pianta originaria dell'Asia e della America del Nord, e la sua efficacia contro la psoriasi è dovuta al suo uso sotto forma di estratto all'interno di una crema conosciuta come Reliéva, ovvero il marchio che ha brevettato questo rimedio. Il funzionamento della crema naturale è stato testato da una ricerca pubblicata sulla rivista American Journal of Therapeutics, che ha confermato i suoi effetti migliorativi sui pazienti affetti da lievi e moderate forme di psoriasi.

Indigo naturalis: l'estratto di Indigo naturalis sotto forma di olio è stato impiegato da una ricerca apparsa nel 2011 sul Dermatology per valutarne gli effetti sulla psoriasi. I risultati sono stati positivi nel trattamento della psoriasi ungueale, ovvero quella che interessa le unghie.

Rauvolfia serpentina: la Rauvolfia serpentina è una delle erbe più importanti all'interno della medicina tradizionale cinese. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Canadian Medical Association Journal, l'estratto di questa pianta potrebbe essere utile per trattare la psoriasi e altre dermatiti croniche, in particolare il lichen planus.

Olio di pesce: ricco di Omega 3, quest'olio contribuisce a ridurre l'infiammazione della psoriasi. Solitamente, va assunto per via orale nella quantità di 3 grammi al giorno.

Olio di enotera: oltre agli omega-3, l'olio di enotera possiede una notevole quantità di acido gamma linoleico (GLA), una sostanza utile per migliorare la salute della pelle in generale. Anche in questo caso si consiglia di assumerlo regolarmente per via orale, solitamente nella quantità di due cucchiai al giorno.

Bagno con sali di Epsom: quando si fa un bagno, bisogna evitare l'acqua calda poiché potrebbe aggravare la psoriasi. Nella vasca vi si può sciogliere del sale di Epsom, un prodotto molto ricco di magnesio e solfato, sostanze che facilitano l'espulsione di tossine dalla pelle, purificandola in profondità. Oltre al sale, nell'acqua del bagno si può miscelare dell'olio d’oliva, oppure dell'olio minerale o ancora del latte.

Tra i tanti rimedi naturali è bene annoverare anche quelli casalinghi, primo fra tutti l'aceto di mele diluito in acqua tiepida. La miscela va massaggiata delicatamente sulla pelle; lasciar agire il rimedio per qualche minuto, e infine risciacquare con acqua tiepida. Lo stesso aceto di mele, se aggiunto nella quantità di un bicchiere all'acqua tiepida della vasca da bagno, aiuta a ripristinare l'acidità della pelle. L'olio di ricino invece, va lasciato come impacco tutta la notte sulle desquamazioni per lenirle; migliora notevolmente le sue virtù se a esso si aggiunge un cucchiaino di bicarbonato di sodio. Per evitare l'acutizzarsi della psoriasi quando è in fase di guarigione, è consigliabile assumere qualche goccia di tintura di radice di bardana, reperibile in erboristeria, dove lo specialista ne saprà consigliare la dose esatta in base all'età e alla gravità del disturbo.

Infine, tra i migliori rimedi naturali per contrastare la psoriasi, una sana ed equilibrata alimentazione è fondamentale per evitare il propagarsi delle infiammazioni. Mangiare quindi alimenti ricchi di antiossidanti naturali come la vitamina C, i carotenoidi e la vitamina E. Questi nutrienti sono necessari per combattere efficacemente le ossidazioni causate dai radicali liberi e spegnere le infiammazioni. Va da sé che bisogna eliminare o comunque ridurre il consumo di alimenti infiammatori come i cibi spazzatura, zucchero, carni rosse e, più in generale, grassi saturi, trans e idrogenati.

Prima di usare uno o più rimedi naturali per contrastare la psoriasi si consiglia sempre di concordare una cura specifica al proprio problema insieme al medico o al dermatologo, in modo da scegliere il trattamento più adatto a sé.