19 Settembre 2014

Smagliature: meglio puntare sulla prevenzione

Le smagliature, o strie atrofiche, sono uno degli inestetismi della pelle più odiati sia dalle donne sia dagli uomini: il loro marchio di fabbrica è il fatto di essere praticamente incancellabili. Si tratta di cicatrici della pelle, talvolta lunghe parecchi centimetri, che interessano soprattutto pancia, cosce e glutei, ma possono andare a rovinare anche braccia e seno. All’inizio si presentano con una colorazione rosso scuro, quasi viola, ma poi con il passare del tempo il colore cambia diventando bianco e lucido.

Smagliature: quali sono le cause?

Per prevenire le smagliature è necessario conoscerne innanzitutto le cause. Questi inestetismi possono essere originati dalle situazioni più diverse, ma alla base di tutto solitamente c’è la genetica: chi ha genitori con questo problema sarà più soggetto a soffrirne. Esse possono essere causate (come succede in genere) da rapidi aumenti di peso o veloci dimagrimenti. Per le donne una delle cause più classiche è senza dubbio la gravidanza, quando in 9 mesi c’è chi arriva a mettere su anche 25 chili. Tante motivazioni e una concausa: la pelle poco elastica, che invece di tendersi si rompe, creando delle striature. È davvero importante quindi prevenire la formazione delle smagliature, seguendo alcune regole semplici ed efficaci.

Nutrire la pelle da dentro e da fuori

L’epidermide è estremamente delicata: bastano variazioni nell’alimentazione o nello stile di vita per rovinare anche la pelle più bella con brutte smagliature. Bisogna prediligere alimenti che forniscono la vitamina C e la vitamina E, come mandorle, noci, semi oleosi, agrumi, kiwi, peperoni, broccoli, verdure a foglia verde, e vegetali di stagione così da rendere la pelle più elastica. La vitamina C infatti è fondamentale per la produzione di collagene, ovvero la più importante proteina del nostro tessuto connettivo, mentre la vitamina E, insieme alla vitamina C, rappresenta uno degli antiossidanti naturali più potenti per proteggere l'organismo dalle ossidazioni causate dai radicali liberi. Oltre a un'alimentazione sana ed equilibrata, è necessario bere tanta acqua per favorire il corretto funzionamento di tutti gli organi del corpo, disintossicare l'organismo, e mantenere la pelle elastica. L'idratazione della cute non va fatta solo internamente ma anche mediante l'applicazione esterna di una buona crema idratante, che può davvero cambiare l’aspetto della pelle, nutrendola e rinvigorendola. È importante inoltre proteggere la pelle dal sole e dai raggi UV, non solo per prevenire scottature e bruciature ma altresì per evitare che magari delle leggere smagliature appena formate, e che quindi potrebbero essere riparate, diventino permanenti.

Contro le smagliature, niente fumo e tanto sport

Muscoli tonici e pelle allenata, eviteranno il rilassamento della pelle e la formazione di inestetismi, comprese le smagliature. Il fumo invece non solo non giova alla salute generale dell'organismo, velocizzando l’invecchiamento, ma rende anche la pelle meno elastica, e quindi meno in grado di reagire ai cambiamenti del corpo. Inoltre si consiglia di ridurre o evitare il consumo di bevande disidratanti come quelle ricche di caffeina e zucchero nonché alcolici e soda poiché incidono negativamente sull'elasticità della pelle e possono causare ritenzione idrica.

Diete drastiche? No grazie

I tanto pubblicizzati 7 chili in 7 giorni non vanno assolutamente d’accordo con una bella pelle: infatti come si è detto in precedenza, sono innanzitutto i bruschi sbalzi di peso i maggiori responsabili delle smagliature. Se si segue invece un regime alimentare bilanciato, programmando una dieta che, se serve, duri dei mesi e aiuti a migliorare le proprie abitudini, non consentirà solo di perdere peso, ma anche di avere una pelle perfetta e in grado di adattarsi ai cambiamenti del corpo, senza essere segnata da antiestetiche smagliature.

Commenti e opinioni