31 Ottobre 2012

Speciale Halloween: 8 famosi luoghi dove avvistare mostri

In occasione di Halloween, abbiamo deciso di farvi "rilassare" un po' meno segnalandovi 8 destinazioni da urlo dove poter avvistare mostri veri, o presunti tale. Oltre a vampiri, licantropi, fantasmi e altre creature mutanti, esistono infatti luoghi precisi in cui ci sono persone che giurano di aver visto mostri dalle sembianze particolari. Scopriamo quali sono.

1. L'uomo falena (Mothman) - West Virginia, Stati Uniti

Negli anni 1966 e 1967, per diversi mesi, la West Virginia è stata terrorizzata da una creatura alata alta circa due metri. Vi sono testimoni oculari che giurano di aver visto a Point Pleasant un essere quasi umano dagli occhi rossi infuocati, e con un'apertura alare di circa 10 metri che gli permette di volare ad altissima velocità. Al momento degli avvistamenti del Mothman, i residenti affermano anche di aver assistito a episodi agghiaccianti inspiegabili come attività paranormali, fuga di animali evidentemente spaventati e interferenze alla televisione. La paura raggiunse il culmine il 15 dicembre 1967, con il crollo del Silver Bridge durante l'ora di punta, in cui persero la vita 46 persone. Molti cittadini spaventati dall'insieme inspiegabile di eventi accusarono l'uomo falena dell'inaspettato disastro.

2. Il Mostro di Loch Ness - Scozia

Per secoli, le torbide acque del lago di Loch Ness, nelle Highlands scozzesi, sono avvolte da uno dei misteri più oscuri di questo mondo, il Mostro di Loch Ness, un gigantesco serpente/rettile marino che somiglia a un plesiosauro. Il suo nome è Nessie e la prima volta fu avvistato nelle Highlands nel 565 dopo Cristo. Che si tratti di una leggenda o della realtà, Nessie gode di una popolarità talmente elevata che un sondaggio del 2006 classifica questa creatura tra i "personaggi" più popolari della Scozia, battendo addirittura l'attore Sean Connery e il poeta Robert Burns.

3. Il Chupacabra - America Latina

Puerto Rico, America Latina, Messico e Stati Uniti sono i luoghi in cui è stato avvistato il terribile Chupacabra ("succhiatore di capre"). È nel 1995 che si sente parlare per la prima volta di questa bestia assassina alta 1,5 metri, senza peli, con spuntoni lungo tutta la schiena, zampe magrissime e la testa oblunga da cui fiammeggiano grandi occhi rossi. I biologi sostengono che questi mostri leggendari sono in realtà dei poveri coyote affetti da rogna e affamati. Indipendentemente dal parere scientifico, c'è chi crede e giura ancora che il terribile Chupacabra sia un mostro reale.

4. Jack il Saltatore (Spring-Heeled Jack) - Inghilterra

Molto prima di Jack lo Squartatore, i cittadini della Londra vittoriana erano terrorizzati dalla presenza di un altro demone. Nell'anno 1837 infatti le strade londinesi erano prese d'assalto da Jack il Saltatore, un umanoide dal volto deforme, con occhi rosso fuoco e mani artigliate. L'uomo aveva straordinarie capacità acrobatiche, tanto da riuscire a saltare dal marciapiede sul tetto di una casa senza neppure prendere la rincorsa (da questo il nome Spring-heeled Jack ovvero "Jack dai tacchi a molla"). Proprio per tale motivo, si pensa potesse essere un acrobata professionista.

5. Il diavolo del New Jersey - New Jersey

Nella zona delle Pine Barrens del New Jersey, la leggenda vuole si aggiri un bizzarro demone bipede con la testa di cavallo, le ali di pipistrello, piccole braccia, mani artigliate, zoccoli e una coda biforcuta. Questa leggenda metropolitana è nata nel lontano 1735, quando una strega del New Jersey affermò di aver dato alla luce un un figlio deforme. Tale creatura in realtà potrebbe essere una gru delle dune perché si tratta di un animale alato alto circa due metri, e prima di uccidere le sue prede emette degli squittii. Lo stesso volatile potrebbe essere associato all'uomo falena.

6. Verme della morte (Allghoi Khorhoi) - Deserto del Gobi, Mongolia

Se decidete di andare nel Deserto del Gobi, prestate attenzione a dove mettete i piedi. La leggenda racconta che sotto la calda sabbia sia in agguato il terribile verme della morte. Simile a un grande intestino rosso, l'Allghoi Khorhoi ha terrorizzato le tribù nomadi del deserto per anni. Chi ha avvistato il mostro racconta di un verme massiccio, lungo dai due ai cinque metri, che emerge dalle sabbie per attaccare le sue prede sputando acido. E se la vittima prescelta sfugge al veleno, il verme può decidere di scaricarle contro una mortale scossa elettrica.

7. L'uomo delle nevi (Bigfoot) - Nord America, Australia, Nepal

Quanti nomi per indicare il Bigfoot: mostro delle nevi, abbominevole uomo delle nevi, Yeti, tutti soprannomi che delineano la figura un po' goffa e scimmiesca che terrorizza le foreste e i luoghi innevati. Questa creatura rappresenta un vero e proprio enigma per diverse culture in tutto il mondo, dai nativi dell'America del Nord, agli aborigeni australiani, alle genti dell'Himalaya, a testimoni dei nostri giorni che giurano di aver visto un uomo alto, robusto, con lunghi capelli scuri, e grandi piedi che lasciano un'orma di circa 60 cm di lunghezza e 20 cm di ampiezza. Ci sono anche foto, filmati, calchi di impronte che "provano" l'esistenza di questo essere peloso, peccato che la maggior parte degli scienziati non sia d'accordo.

8. Bunyip - Australia

Evitate stagni, ruscelli, piscine naturali e billabong mentre siete in vacanza in Australia se non volete incontrare il Bunyip, temuta creatura marina con zanne simili a un tricheco, pinne, occhi grandi e corna. Gli aborigeni australiani raccontano diverse leggende sul misterioso Bunyip, che vogliono il terribile essere carnivoro affamato di animali e anche di umani. Eppure, nonostante i tanti avvistamenti risalenti ai primi del 1880, non vi è ancora una descrizione precisa del mostro. Chi pensava che l'Australia fosse solo terra di coccolosi koala e simpatici canguri, non aveva fatto ancora i conti con il Bunyip.

Speriamo che la nostra scelta di luoghi mostruosi non vi abbia spaventato troppo. Ci siamo divertiti un po' a descrivere i luoghi più gettonati per una vacanza da incubo perché, si sa, per sconfiggere le proprie paure e ansie, il modo migliore può essere proprio quello di affrontarle.

Commenti e opinioni