07 Giugno 2013

10 modi per rendere più sano il vostro barbecue

In un articolo precedente ci siamo occupati dettagliatamente dei rischi che si corrono cuocendo gli alimenti ad alte temperature, soprattutto se si tratta di arrosti, fritture, e grigliate. Questi tipi di cottura infatti, anche se rendono il cibo più gustoso e invitante, sviluppano facilmente composti cancerogeni. Di seguito, vedremo come ridurre la formazione di tali sostanze pericolose per la nostra salute con 10 utili consigli per preparare ottimi barbecue.

1. Cuocere i cibi a temperature più basse. Quando gli alimenti come la carne vengono cotti ad alte temperature o entrano a contatto con le fiamme, si creano composti pericolosi chiamati ammine eterocicliche (HCA) e idrocarburi policiclici aromatici (IPA). Entrambe le sostanze sono cancerogene. Naturalmente, se si sta cucinando carne di maiale o di pollo bisogna sempre essere sicuri che la temperatura all'interno sia sufficientemente alta per uccidere i microbi.

2. Quando si cucina la carne, meglio marinarla prima con l'olio d'oliva e il succo di limone. Questi due ingredienti riducono la presenza di elementi tossici durante la cottura, e allo stesso tempo aggiungono un ottimo sapore al pasto e contribuiscono a tenerlo umido.

3. Stare sempre attenti a evitare che si formino fiamme alte che, a contatto con il cibo, lo bruciano. Il cibo carbonizzato contiene agenti cancerogeni come gli IPA e gli HCA.

4. Scegliere alimenti a basso contenuto di grassi come tagli magri di carne, pollame, pesce e verdure. Le amine eterocicliche e gli idrocarburi policiclici aromatici si formano principalmente quando i grassi vengono riscaldati a temperature elevate o gocciolano sulle fiamme e sul carbone producendo fumo. Quindi gli alimenti a basso contenuto di grassi riducono il rischio che si creino tali composti.

5. Per gli stessi motivi appena illustrati nel punto 4, tagliare via il grasso in eccesso dalla carne prima di metterla a cuocere.

6. Aggiungere erbe fresche o secche come basilico, menta, rosmarino, timo, origano e salvia. Secondo i ricercatori del Consorzio sulla Sicurezza Alimentare dell'Università del Kansas, queste piante, oltre a fungere da condimento, riducono drasticamente la produzione di amine eterocicliche (HCA). È sufficiente utilizzare una o più di queste erbe, preferibilmente fresche, nella marinatura e anche durante la cottura.

7. Se si stanno cucinando verdure, evitare di cuocerle troppo. Più tempo passa, più nutrienti vengono persi. Una nuova ricerca, pubblicata proprio il mese scorso su Molecular Biology Reports, ha dimostrato che la vitamina C (presente in molti vegetali) riduce gli effetti cancerogeni delle amine eterocicliche (HCA).

8. Aggiungere più verdure alla griglia. Uno dei modi più semplici e gustosi per contrastare lo sviluppo di malattie, tra cui diverse forme di cancro, è quello di mangiare più verdure. Se si trova noioso servire i vegetali semplicemente come contorno, si possono preparare spiedini con carne e verdure; queste saranno ottime per tenere la carne umida e aggiungere fibre alimentari al pasto, oltre che sapore e nutrienti.

9. Tra le verdure migliori abbiamo le crocifere, le quali contengono glucosinolati che danno vita composti anticancro noti come isotiocianati. Un recente studio pubblicato su New research in Asian Pacific Journal of Cancer Prevention, ha dimostrato che gli isotiocianati proteggono contro le HCA e gli IPA. Quindi, per rendere più salutare il proprio barbecue, servire broccoli, cavolfiori, cavoli e cavoletti di Bruxelles.

10. Pulire la griglia prima di ogni utilizzo. In questo modo si riduce la presenza di residui di cibo bruciato che, come sappiamo, è cancerogeno e causa la formazione di radicali liberi.

Commenti e opinioni