19 Luglio 2012

EWG: La lista dei prodotti con più e meno pesticidi

Si sa che mangiare frutta e verdura fa bene, ed è così, anche la EWG (Environmental Working Group) tende a ribadirlo nonostante l'uso di pesticidi.

Tuttavia, la stessa EWG, per aiutare il consumatore a scegliere meglio i prodotti che compra, ha stilato anche quest'anno una lista degli alimenti contenenti i maggiori e i minori residui di pesticidi.

In questo modo sarà possibile individuare più facilmente i cibi maggiormente contaminati e sostituirli con prodotti biologici, per quanto possibile. Laddove invece rimane difficile ricorrere all'organico, comunque è sempre consigliato mangiare frutta e verdura, anche quella che troviamo nei normali negozi di alimentari.

Dunque, i 14 vegetali con un più alto tasso di residui pesticidi sono:

  • mele
  • sedano
  • peperoni dolci
  • pesche
  • fragole
  • nettarine
  • uva
  • spinaci
  • lattuga
  • cetriolo
  • mirtilli
  • patate
  • fagioli verdi
  • cavolo riccio e cavolo nero

Di seguito invece i 15 cibi contenenti una minore concentrazione di residui pesticidi:

  • cipolle
  • mais
  • ananas
  • avocado
  • cavolo verza
  • piselli
  • asparagi
  • mango
  • melanzane
  • kiwi
  • melone
  • patate dolci
  • pompelmo
  • anguria
  • funghi

Solitamente nelle colture convenzionali di questi alimenti si usano insetticidi organofosforici (OP) altamente tossici. Tali insetticidi sono dannosi soprattutto per il sistema nervoso, e la loro azione consiste nell'inibire in modo irreversibile l'enzima acetilcolinesterasi (AchE).

 

Potrebbe interessarti anche:

Le 13 vitamine essenziali per il nostro organismo

Depurare i reni con la tisana ai semi d'anguria

La vitamina A nelle creme solari facilita l'insorgere di tumori

 

Tratto da:

http://www.ewg.org/foodnews/summary/

Commenti e opinioni