02 Settembre 2017

Candida Intestinale: Sintomi E Dieta

Nel corpo umano vivono molti tipi di funghi, tra cui anche quelli del genere Candida. La specie più diffusa è la Candida albicans, che normalmente è presente in piccole quantità nella bocca, nell'intestino, nella vagina e sulla pelle. A livelli normali, questo fungo non rappresenta una minaccia. Tuttavia, quando la Candida comincia a crescere in maniera incontrollata può causare un'infezione nota come candidosi o candidiasi. La Candida è infatti una delle cause più comuni delle infezioni fungine nell'essere umano.

I batteri buoni che si trovano all'interno del corpo umano mantengono i livelli di Candida sotto controllo. Tuttavia, se la presenza di batteri buoni diminuisce o il sistema immunitario è compromesso, la Candida può iniziare a diffondersi. Di seguito vengono elencati i fattori principali che, secondo varie ricerche scientifiche, portano alla crescita della Candida: assunzione di antibiotici, dieta ricca di zucchero e carboidrati raffinati, abuso di alcolici, sistema immunitario indebolito, assunzione di contraccettivi orali, diabete, alti livelli di stress [1, 2, 3, 4, 5, 6]. 

Quando c'è un aumento della presenza di Candida nel corpo, si possono avere vari problemi di salute. I principali segni e sintomi di un'infezione da Candida sono: mughetto orale, ricorrenti infezioni genitali o alle vie urinarie, disturbi digestivi, sensazione di stanchezza, infezioni fungine alla pelle o alle unghie, infezioni sinusali, dolori articolari.

Mughetto orale

La candidosi che si sviluppa in bocca o in gola viene chiamata mughetto orale, o stomatite da Candida albicans. È più comune nei neonati, nei bambini tra i 3 e i 9 anni d'età, negli anziani e in coloro che hanno un sistema immunitario indebolito [7]. Inoltre, la scarsa igiene orale o le protesi rimovibili possono aumentare il rischio di candidosi orale [8].

Il mughetto orale si presenta tipicamente sotto forma di macchie biancastre e irregolari sulla lingua, sulla parete interna delle guance, sulle gengive, sulle tonsille o alla gola. Tali formazioni possono dare fastidio e causare bruciori, possono anche sanguinare leggermente quando vengono raschiate via. Il mughetto può altresì essere accompagnato da arrossamento e dolore della lingua e della bocca [9].

Nei casi più gravi, la stomatite da Candida può diffondersi all'esofago e provocare dolore e/o difficoltà a deglutire.

[Potrebbe interessarti: Dolore Alla Gola E Difficoltà A Deglutire: Possibili Cause]

Ricorrenti infezioni genitali o alle vie urinarie

Nella normale flora microbica della vagina troviamo anche i funghi del genere Candida. Una crescita eccessiva della Candida può portare alla candidosi vulvovaginale, o mughetto vaginale. Si stima che il 75% delle donne avrà almeno una volta nella vita un'infezione vaginale da lievito, e metà di esse avrà almeno una recidiva [10]. Anche gli uomini possono avere infezioni genitali da lievito, ma è molto meno comune.

I sintomi della candidosi vulvovaginale sono principalmente: arrossamento, gonfiore, prurito, irritazione, dolore durante i rapporti sessuali, fastidi durante la minzione, perdite vaginali che possono essere biancastre e dense.

Anche se con meno frequenza, la Candida può causare infezioni alle vie urinarie (IVU). Le infezioni del tratto urinario legate alla Candida sono più diffuse nei pazienti anziani, ospedalizzati o con un sistema immunitario compromesso [11].

I principali sintomi di un'infezione delle vie urinarie sono: sensazione di bruciore quando si urina, bisogno frequente di urinare, urina torbida o scura, odore delle urine diverso dal normale, dolore o pressione nella parte bassa dell'addome.

In ogni caso, è bene sottolineare che le infezioni del tratto urinario sono causate con maggiore probabilità da batteri come l'E. coli, e meno spesso da lieviti del genere Candida.

Problemi digestivi

La salute dell'apparato digerente è fortemente influenzata dall'equilibrio tra i batteri buoni e cattivi che vivono nell'intestino. I batteri buoni che normalmente risiedono nell'intestino sono fondamentali per una buona digestione, in quanto aiutano a processare amidi, fibre e alcuni zuccheri.

Quando l'equilibrio della flora batterica intestinale viene sconvolto, si possono verificare vari problemi digestivi, tra cui costipazione, diarrea, nausea, formazione di gas, crampi e gonfiori addominali.

Recenti studi indicano che una crescita eccessiva di Candida è associata a diverse malattie dell'apparato gastrointestinale, compresa la colite ulcerosa e la malattia di Crohn [12].

Sensazione di stanchezza

Uno dei sintomi più comuni associati alla Candida è la sensazione di stanchezza. Anche se non vi è alcuna prova certa che la Candida possa generare direttamente un senso di debolezza e affaticamento, può contribuire a causare tali disturbi.

In primo luogo, la candidosi è spesso accompagnata da carenze nutrizionali, come la vitamina B6, gli acidi grassi essenziali e il magnesio [13]. È noto che la carenza di magnesio provoca spossatezza [14].

In secondo luogo, le infezioni da Candida si verificano comunemente quando il sistema immunitario è indebolito. L'abbassamento delle difese immunitarie in sé può procurare affaticamento.

Uno studio suggerisce che la candidosi intestinale può anche essere una potenziale causa della sindrome da fatica cronica [15].

Infezioni fungine alla pelle o alle unghie

Proprio come nell'intestino, anche sulla pelle ci sono batteri che impediscono alla Candida di crescere in maniera incontrollata e produrre infezioni fungine.

Le variazioni della temperatura ambientale, il tasso di umidità o i livelli di acidità sono i fattori principali che portano a un aumento o a una diminuzione di batteri e funghi. Per tale motivo, un qualsiasi cambiamento ambientale, anche quello che apparentemente sembra più insignificante, come l'aumento dell'umidità, può stravolgere l'equilibrio batterico sulla pelle, consentendo alla Candida di crescere in maniera incontrollata.

Inoltre, anche i cosmetici, i saponi e gli idratanti possono alterare le condizioni della pelle, in particolare i detergenti antibatterici.

[Potrebbe interessarti: Perché È Meglio NON Usare Il Sapone Antibatterico]

La candidosi cutanea può interessare qualsiasi parte del corpo, ma le aree più calde e umide, come le ascelle e l'inguine, sono particolarmente inclini all'infezione.

I segni e sintomi più comuni di un'infezione da Candida sulla pelle sono il prurito e il rash cutaneo. Uno sviluppo incontrollato della Candida sulla cute può causare disturbi come il piede d'atleta, la tigna e la micosi alle unghie.

Anche se non costituiscono un pericolo per la vita, le infezioni da funghi possono essere molto fastidiose e riducono la qualità della vita.

Infezioni sinusali

Le infezioni croniche ai seni paranasali causano sintomi come il naso che cola, la congestione nasale, la diminuzione del senso dell'olfatto e il mal di testa.

Anche se le infezioni sinusali a breve termine sono prodotte principalmente da batteri, molte delle infezioni sinusali croniche a lungo termine possono invece essere provocate da funghi. Uno studio della Mayo Clinic ha esaminato un gruppo di 210 individui colpiti da sinusite cronica e ha scoperto che nel 96% dei casi erano presenti funghi nel loro muco [16].

Normalmente, per curare le infezioni sinusali vengono impiegati gli antibiotici. Questo trattamento può funzionare per le forme acute di infezioni batteriche sinusali, ma non per quelle fungine croniche. La cura di un'infezione cronica di questo tipo con antibiotici potrebbe in realtà peggiorare la situazione.

Se si hanno infezioni sinusali che durano più di un mese, la Candida potrebbe essere la causa scatenante del disturbo.

Dolore articolare

Se un'infezione da Candida entra nel flusso sanguigno può diffondersi nel corpo, con il rischio di infettare le articolazioni e portare all'artrite [17].

Ciò può avvenire dopo un intervento chirurgico oppure quando lo sviluppo eccessivo della Candida non viene trattato per un lungo periodo di tempo.

L'artrite dovuta alla Candida causa dolore, rigidità articolare e gonfiore nelle articolazioni. Le anche e le ginocchia tendono a essere le articolazioni più comunemente interessate dal problema.

La Candida presente nel flusso sanguigno può in realtà infettare quasi tutti i tessuti del corpo, e può anche provocare infezioni ossee e infiammazioni, come l'osteomielite, che danno origine a dolore nell'area infetta [18].

Come trattare la candidosi con la dieta giusta

Il modo migliore per curare e prevenire la candidosi è affrontare la causa principale del problema. Il cibo svolge un ruolo importante nel mantenere l'equilibrio della flora batterica intestinale. Lo zucchero, i carboidrati raffinati e i latticini contenenti troppo lattosio possono favorire lo sviluppo della Candida e di altri microrganismi cattivi [19]. Mangiare elevate quantità dei cibi appena elencati può facilitare l'infezione, soprattutto se si ha un sistema immunitario compromesso.

Alcuni alimenti invece incoraggiano lo sviluppo dei batteri buoni, come i probiotici, e contrastano la crescita della Candida. Secondo varie ricerche scientifiche, i seguenti alimenti aiutano a sconfiggere le infezioni da Candida.

Olio di cocco: l'olio di cocco contiene elevate quantità di acido laurico, un acido grasso saturo che è risultato efficace nel combattere le infezioni da Candida in diversi esperimenti in vitro [20, 21].

Probiotici: i probiotici presenti in alcuni alimenti, come lo yogurt contenente fermenti lattici vivi, il kimchi, il natto, il kefir, i crauti e altri cibi fermentati, possono ridurre la crescita della Candida e proteggere dalle infezioni [22]. I probiotici possono essere acquistati anche sotto forma di integratori alimentari.

Aglio: l'aglio contiene una sostanza antifungina chiamata allicina, che contrasta i lieviti del genere Candida negli studi condotti in laboratorio [23, 24].

Curcumina: esperimenti in provetta hanno dimostrano che la curcumina può uccidere la Candida o comunque ridurne la crescita [25, 26, 27, 28].

Melograno: secondo uno studio in vitro, i composti vegetali del melograno combattono la Candida [29].

Kombucha: il tè Kombucha è ricco di polifenoli e di acido acetico, entrambi i quali hanno dimostrato in esami di laboratorio di essere in grado di uccidere la Candida [30].

Xilitolo: secondo una ricerca condotta in laboratorio, lo xilitolo aiuta a bloccare lo sviluppo della Candida riducendo la sua capacità di attaccarsi a una superficie e causare l'infezione [31].

Aloe vera: il gel dell'aloe vera può inibire la crescita della Candida in bocca e prevenire le infezioni [32].

[Per approfondire leggi Alimenti Per Combattere Le Infezioni Da Candida Intestinale]

Purtroppo i cambiamenti a livello di dieta non possono sempre essere efficaci al 100%, per cui a volte è necessario ricorrere a trattamenti con farmaci antifungini.

È bene ricordare che anche se la Candida generalmente non è pericolosa per la vita dell'essere umano, se non viene trattata può diffondersi fino a entrare nel flusso sanguigno. Una volta in circolo, il fungo può raggiungere praticamente qualsiasi parte del corpo, con il rischio di andare a compromettere organi vitali come il cervello e il cuore, e generare complicazioni più gravi fino a portare alla morte [33, 34].

In conclusione, la Candida è la causa più comune delle infezioni fungine nell'essere umano. Diversi sono i segni e sintomi che possono aiutare a determinare una crescita eccessiva di Candida, come il mughetto orale, le ricorrenti infezioni genitali o del tratto urinario, i disturbi digestivi, il senso di debolezza, le infezioni alla pelle, le micosi alle unghie, le infezioni ai seni paranasali e i dolori articolari. È importante trattare il prima possibile qualsiasi tipo di candidosi per impedirne la diffusione nel corpo, che porterebbe a complicazioni più gravi.

Commenti e opinioni